Bologna: pensionati in piazza contro il caro-vita

Bologna: pensionati in piazza contro il caro-vita

BOLOGNA - In piazza per chiedere a Governo, Regione e Comuni le risorse necessarie per aumentare le pensioni e per garantire servizi sociali adeguati ai pensionati. E' prevista un'ampia partecipazione di pensionati da tutta l'Emilia-Romagna alla manifestazione regionale unitaria organizzata mercoledì 5 novembre a Bologna dai sindacati dei pensionati di Cgil, Cisl e Uil.

 

"La nostra è una mobilitazione unitaria e condivisa - affermano i segretari regionali Maurizio Fabbri (Spi-Cgil), Franco Andrini (Fnp-Cisl) e Luigi Pieraccini (Uilp-Uil -, perché comuni sono gli obiettivi: sostenere le pensioni e garantire la qualità della vita di tutti gli anziani, sollecitando tanto il Governo quanto la Regione e gli enti locali".

 

Il corteo dei pensionati partirà da piazza VIII Agosto alle ore 9.30, attraverserà via Indipendenza, via Righi, piazza Verdi, via Zamboni e via Rizzoli per poi concludersi alle ore 11.00 in piazza Maggiore, con gli interventi dei segretari regionali di Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil.

 

"Dopo aver contribuito a costruire l'Italia, i pensionati hanno ora il diritto di vivere con un reddito dignitoso, in una società giusta e solidale - continuano Fabbri, Andrini e Pieraccini -. Negli ultimi 10 anni le pensioni hanno però perso oltre il 30% del potere d'acquisto. Nel corso del 2008 abbiamo avuto un'inflazione ufficiale di oltre il 4%, che sale al 6% per i generi alimentari, quei consumi che non si possono tagliare e che più pesano nei bilanci dei pensionati. E' una vera emergenza che colpisce principalmente i redditi fissi, gli unici che non si possono difendere".

 

Per restituire potere d'acquisto ai pensionati, Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil dell'Emilia-Romagna chiedono al Governo di attivare, così com'è previsto dal decreto Damiano, il tavolo di confronto permanente per definire gli interventi necessari per rivalutare le pensioni tenendo conto dell'andamento dell'economia e dell'inflazione.

 

"La finanziaria va cambiata - sono le parole di Fabbri, Andrini e Pieraccini -. Il Governo deve trovare le risorse adeguate per sostenere gli anziani in difficoltà, estendendo la quattordicesima mensilità a tutte le pensioni e riducendo il prelievo fiscale. E non dimentichiamo che mancano ancora i giusti finanziamenti per il fondo nazionale sulla non autosufficienza".

 

Pur consapevoli dei tagli imposti dal Governo, i pensionati dell'Emilia-Romagna si dichiarano fermamente contrari a un ridimensionamento dei servizi sociali da parte di Regione e Comuni: "L'emarginazione sociale degli anziani è una condizione intollerabile in un paese civile e ancora di più in una regione avanzata come l'Emilia-Romagna - aggiungono i segretari di Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil dell'Emilia-Romagna -. Per questo chiediamo politiche regionali e comunali per il contenimento dei prezzi, delle rette e delle tariffe, utilizzando anche gli utili provenienti dalle società partecipate dagli enti locali".

 

I pensionati di Cgil, Cisl e Uil annunciano, inoltre, di aver aperto un tavolo di confronto con la Regione con l'obiettivo di sviluppare il welfare e migliorare gli attuali standard socio-sanitari, partire dall'aumento dei finanziamenti per la non autosufficienza, "a cui vanno destinate le risorse derivate dall'addizionale Irpef".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma soprattutto, nel negoziato con la Regione i pensionati si impegneranno per costruire un modello sociale alternativo: "Abbiamo bisogno di un cambiamento culturale che consideri la spesa sociale un investimento per lo sviluppo di tutta la società - concludono Fabbri, Andrini e Pieraccini -. Bisogna sconfiggere le derive antisociali in crescita nel Paese e insieme alla Regione e a molti nostri Comuni possiamo lanciare il progetto di una società fondata sulla coesione sociale e sull'universalità dei diritti di cittadinanza".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -