Bologna: picchiano padre e figlio, arrestati tre giovani polacchi

Bologna: picchiano padre e figlio, arrestati tre giovani polacchi

Bologna: picchiano padre e figlio, arrestati tre giovani polacchi

BOLOGNA - Hanno prima picchiato un 15enne di origine moldava ‘reo' di non aver dato loro una sigaretta. Poi se la sono presa con il padre, procurandogli lesioni guaribili in una ventina di giorni. Tre polacchi di 23, 24 e 25 anni, residente a Bologna, sono stati arrestati lunedì sera dai Carabinieri della Compagnia di Bologna Borgo Panigale per lesioni personali gravi in concorso ed omissione di soccorso.

 

Tutto ha avuto origine verso le 21.30 in via Porrettana a Casaecchio di Reno, alle porte di Bologna. I tre polacchi, in evidente stato d'ebbrezza, si sono avvicinati al minore chiedendogli una sigaretta. Alla sua risposta negativa l'hanno colpito con un pugno. Tornato a casa, il minore ha raccontato l'accaduto al padre, un cittadino di origine russa,che si subito precipitato dagli aggressori del figlio per chiedere spiegazioni di quanto accaduto.

 

Invece di ottenere una delucidazione, sul posto ne scaturita una colluttazione,nella quale i cittadini polacchi hanno percosso con violenza il 47enne russo, lasciandolo riverso per terra e dandosi alla fuga a piedi. L'immediato intervento degli uomini dell'Arma, richiesto da residenti e passanti che hanno assistito all'aggressione, ha permesso di rintracciare e bloccare gli aggressori, finiti in manette per lesioni personali gravi in concorso e omissione di soccorso.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il malcapitato, dopo l'intervento del personale medico che provveduto al trasporto presso Ospedale Maggiore di Bologna, ha riportato vari traumi contusivi, la frattura del naso e vari escoriazioni con una prognosi di 20 giorni .Terminate le formalità di rito, gli arrestati sono stati trattenuti presso le camere di sicurezza. Il giudice monocratico Franco Raffa, però, li ha condannati per rissa a 6 mesi con obbligo di firma.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -