Bologna: sit-in vietato a addetti procura-tribunale

Bologna: sit-in vietato a addetti procura-tribunale

BOLOGNA - Scatta il 'divieto' di manifestazione per chi lavora alla Procura e alla Corte d'Appello di Bologna. Il provvedimento è stato immediatamente contestato. Lunedì mattina, infatti, nel corso della manifestazione davanti alla Prefettura di Bologna (organizzata da Cgil, Cisl e Uil) dei dipendenti del pubblico impiego, dei dipendenti delle Agenzie Fiscali e dei Ministeri, per protestare contro i provvedimenti del Governo nei confronti dei dipendenti del pubblico impiego, sono spuntati due cartelli: "Procura di Bologna, divieto di assemblea" e "I lavoratori della Corte d'Appello non possono manifestare: lo vieta il dirigente".

"I lavoratori della Procura hanno saputo di non poter partecipare al presidio e non hanno potuto neanche appellarsi al dirigente firmatario della comunicazione", ha spiegato Anna Andreoli della Fp-Cgil. Per il sindacato, si è trattato di "un vero e proprio boicottaggio, di una limitazione della libertà del diritto di assemblea", continua Andreoli. Nella comunicazione della Corte d'Appello si legge che chi volesse intervenire all'assemblea (indetta in piazza Roosevelt) potrà farlo "previa richiesta di autorizzazione di permesso breve o con permesso sindacale, valutabile comunque dal dirigente in relazione alle esigenze di servizio".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma, continua Andreoli, "non c'è stato neanche il tempo di presentare una richiesta perche' i dirigenti erano irreperibili e la comunicazione del divieto e' stata fatta troppo tardi": venerdì per la Procura e lunedì per la Corte d'Appello. Sono in programma altre iniziative del sindacato contro il Governo: il 29 settembre, coi gli impiegati degli enti locali, il 6 ottobre con i dipendenti degli enti pubblici non economici e il 15 ottobre con i lavoratori della sanità.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -