Bologna: studenti aggrediti dai naziskin, la condanna di Vasco Errani

Bologna: studenti aggrediti dai naziskin, la condanna di Vasco Errani

Bologna: studenti aggrediti dai naziskin, la condanna di Vasco Errani

BOLOGNA - "L'aggressione ad alcuni studenti da parte di un gruppo di nazifascisti, avvenuta a Bologna, è un fatto gravissimo e tutt'altro che isolato, un episodio che non va sottovalutato e anzi deve portarci ad una riflessione". E' il commento del presidente della Regione Emilia Romagna, Vasco Errani, pubblicato sul sito www.presidenterrani.it, sull'aggressione subita da alcuni studenti ad opera di un gruppo di naziskin. "La violenza legata a contrapposizioni radicate nell'ideologia, mai realmente sopita nel nostro Paese, sta vivendo in questo periodo una recrudescenza che preoccupa", ha aggiunto.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel frattempo proseguono le indagini degli agenti del commissariato di polizia di Bologna e della Digos. In manette sono finiti il 33enne bolognese Luigi Guerzoni, commerciante residente nel ravennate; il 26enne ferrarese Vincenzo Gerardi, operaio residente ad Argelato; il 25enne Gunther Xavier Latiano, studente di San Giovanni Rotondo (Foggia), residente a Bologna; e Alessandro Malaguti, 20 anni, operaio di San Giovanni in Persiceto residente a Crevalcore. I primi due sono già noti alle forze dell'ordine, gli altri sono invece incensurati. Ma nelle prossime ore potrebbe aggiungersi un altro nome alla lista. Le accuse ipotizzate dal pm Maria Gabriella Tavano sono di lesioni personali, minacce, porto abusivo di armi in concorso, ingiurie e violenza privata.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -