Bologna: uno straniero residente su otto è nato in Italia

Bologna: uno straniero residente su otto è nato in Italia

Bologna: uno straniero residente su otto è nato in Italia

BOLOGNA - Uno straniero su otto che vive a Bologna è nato in Italia. Sui 39.400 residenti provenienti da altri Paesi (il 10,5% della popolazione bolognese), ben 4.310 sono venuti alla luce sotto le Due Torri, a cui si aggiungono gli altri 617 bambini stranieri nati in altri Comuni italiani. Insomma, non tutti i residenti non italiani a Bologna sono stranieri a tutti gli effetti. A rivelarlo è il report dell'ufficio statistica del Comune di Bologna, sulle tendenze demografiche registrate in città nel corso dell'ultimo anno. 

 

Sui 3.009 nuovi nati nel capoluogo emiliano nel 2008 (appena quattro in meno del 2007), 580 sono di nazionalità estera (il 19,3% delle nascite) e 235 sono figli di coppie miste. Il dato che emerge di più è dunque il forte aumento della popolazione straniera, il cui numero è cresciuto in un anno di 5.900 unità (+17,5%), dovuto soprattutto "all'accelerazione dei flussi dai nuovi Paesi membri della Ue". La nazione più rappresentata sotto le Due Torri è la Romania, con 5.047 residenti, seguita dalle Filippine con 4.068 persone. Al terzo posto il Bangladesh (3.477 unità), poi Marocco (3.014), l'Albania (2.302), la Moldova (2.200), la Cina (2.198 residenti), l'Ucraina (2.175), il Pakistan e lo Sri Lanka.  

 

Nel complesso, è comunque europea la maggioranza degli stranieri a Bologna (41,6%), seguita dalla comunità asiatica (34,3%).  La popolazione non italiana si conferma comunque molto giovane (il 79% ha meno di 45 anni) e a prevalenza femminile, anche se questo dato varia molto a seconda della provenienza: le donne sono la grande maggioranza per quanto riguarda i Paesi dell'est Europa, mentre tra i cittadini del Medio ed estremo oriente e dall'Africa centro-settentrionale lagran parte sono uomini

 

La comunità straniera sotto le Due Torri comincia però già ad essere di lungo corso, tanto da considerarsi ormai quasi bolognese. Oltre il 40% dei residenti e' arrivato a Bologna negli ultimi tre anni, mentre ben 7mila persone vivono nel capoluogo emiliano da prima del 2001. E' anche grazie all'immigrazione, dunque, che la popolazione residente a Bologna e' cresciuta nell'ultimo anno di quasi 2.700 unità, sfiorando il tetto delle 375mila persone.  Il saldo migratorio e' infatti uno dei più alti degli ultimi anni: Palazzo D'Accursio ha registrato oltre 17.150 arrivi contro 12.650 partenze, soprattutto in direzione dei Comuni limitrofi. I Quartieri piu' in crescita sono Reno (+1,5%), Navile (+1,2%) e Borgo Panigale (+1,1%) e persino la popolazione del centro storico e' lievemente aumentata (+0,2%).

In linea con questa tendenza è anche il dato sulle famiglie, cresciute dell'1,6% rispetto al 2007 (sono 197.808), anche se i matrimoni tornano ad essere in calo (-6%). Essendo stabili quelli civili (che restano la grande maggioranza, il 67,7% delle nozze celebrate), sono i legami religiosi la causa principale della flessione dei matrimoni: nel 2008 si sono sposate 70 coppie in meno rispetto all'anno prima. Si mantengono in aumento infatti i nati fuori dal matrimonio, che rappresentano il 35% delle nuove nascite.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le coabitazioni tra più persone o più nuclei familiari sono 179.600 con un numero medio di persone che vivono nello stesso alloggio di 2,07 (la dimensione media di una famiglia anagrafica e' invece 1,88). I nuclei formati da una persona sola sono sempre i più numerosi (96.025, pari al 48,5% delle famiglie bolognesi), ma i single a tutti gli effetti (che vivono cioe' da soli) risultano essere 70.900.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -