Bologna: Vasco Rossi ascoltato dai pm sull'arresto del cognato

Bologna: Vasco Rossi ascoltato dai pm sull'arresto del cognato

Bologna: Vasco Rossi ascoltato dai pm sull'arresto del cognato

BOLOGNA - Prosegue l'inchiesta sui sette spacciatori arrestati martedì per detenzione di droga. Mercoledì pomeriggio i pm della Procura felsinea, Valter Giovannini e Lorenzo Gestri, hanno ascoltato il cantante Vasco Rossi (estraneo ai fatti) come persona informata dei fatti. Ai domiciliari e' finito il suo body guard, factotum e cognato Danilo D'Alessandro detto 'Roccia'.

 

Il 45enne milanese, compagno della sorella della moglie di Vasco, e' accusato della detenzione e della cessione di piccoli quantitativi di cocaina. Al suo nome gli inquirenti sono giunti attraverso alcune intercettazioni telefoniche a carico di un gruppo di pusher albanesi in cui veniva indicato con il suo soprannome.

 

Gli inquirenti hanno perquisito con esito negativo anche la sede di Area in via Emilia Levante a Bologna, il "quartier generale" di Vasco che 'Roccia' frequentava assiduamente. In un garage del condominio, di uso esclusivo di D'Alessandro, è stata rinvenuta una pistola giocattolo, riproduzione di una Beretta 9 per 21.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini hanno permesso di appurare che Carmelo Cagnolo, il poliziotto 36enne in servizio a Roma al ministero dell'Interno, aveva cercato con insistenza di ottenere informazioni sull'inchiesta, contattando più volte poliziotti bolognesi. Questi hanno riferito dei suoi tentativi ai procuratori.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -