BOLOGNA - Violentò ragazzina con scusa rito Maya, riesame dispone domiciliari

BOLOGNA - Violentò ragazzina con scusa rito Maya, riesame dispone domiciliari

Bologna, 18 dic. - (Adnkronos) - E' agli arresti domiciliari Antonio Laneve, la guardia giurata di 40 anni, originaria della provincia di Taranto e residente a Casalecchio di Reno, comune alle porte di Bologna, finito in carcere il mese scorso per aver violentato una ragazzina di 13 anni con la scusa di un rito Maya. Lo ha deciso nei giorni scorsi il tribunale del Riesame di Bologna al quale si sono rivolte le sue avvocatesse Tiziana Ghedini e Antonella Saporito chiedendo la scarcerazione del loro assistito.

A giugno del 2005 la madre della ragazzina ha conosciuto Laneve in chat. L'uomo ha cominciato a frequentare l'abitazione modenese della donna e lei gli ha raccontato di avere dei problemi economici e di essere in attesa di una casa del Comune, che la segue tramite i servizi sociali, in cui stare stabilmente dopo anni di sistemazioni precarie.

Dato che la storia sembrava incredibile, un'amica della madre ando' in chat e riusci' a contattare la guardia giurata facendo finta di essere interessata ai Maya e all'esoterismo e a farsi raccontare del rito sacrificale. A quel punto c'erano sufficienti elementi per denunciare tutto in Questura a Modena e avviare le indagini che nel giro di un mese hanno portato in carcere il presunto bruto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -