Bologna: Zona 'U', via libera ai clienti dei negozi

Bologna: Zona 'U', via libera ai clienti dei negozi

Bologna: Zona 'U', via libera ai clienti dei negozi

BOLOGNA - Dopo i dati-shock sulle 14mila multe nella zona universitaria da ottobre a fine 2008, il Comune di Bologna ha modificato l'ordinanza per la zona "U", ‘graziando' così dalle contravvenzioni i clienti che devono ritirare materiali pesanti o ingombranti. Lo ha annunciato in una nota lo stesso municipio.  

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In relazione a quanto emerso dal confronto con le categorie coinvolte nel tavolo di monitoraggio sulla zona universitaria - si legge nel comunicato - l'amministrazione comunale ha ritenuto opportuno modificare l'ordinanza che disciplina gli accessi alla zona, prevedendo, per alcune particolari categorie di esercizi commerciali ed artigianali aventi sede all'interno dell'area, la possibilità di consentire l'accesso dei veicoli di clienti che abbiano l'esigenza di ritirare o consegnare materiali particolarmente pesanti o ingombranti".

Si allevia, così, la situazione per le tante copisterie e legatorie che operano nel quartiere degli studenti, ma anche per i laboratori artigianali (come lavorazione vetro, riparazioni apparecchi  radiotelevisivi ed elettrodomestici, tappezzerie, restauro di oggetti d'arte, vendita di mobili di antiquariato, vendita di prodotti per disegno, pittura  e decorazioni). Per queste attività, precisa la nota, "previa sottoscrizione di un accordo con l'amministrazione comunale, sarà possibile comunicare via web le targhe dei clienti con particolari esigenze di trasporto".

La stessa procedura, insomma, già in uso per gli alberghi e i garage del centro storico che si trovano in area off limits per i non residenti. Ma le autorizzazioni, precisa il Comune, non potranno in nessun caso "superare per ciascun esercizio il numero di 150 accessi al mese".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -