Bomba a Marina di Ravenna, domenica prossima evacuazione per 4mila persone

Bomba a Marina di Ravenna, domenica prossima evacuazione per 4mila persone

Bomba a Marina di Ravenna, domenica prossima evacuazione per 4mila persone

RAVENNA - Quando manca una settimana alle operazioni di rimozione e trasferimento dell'ordigno bellico dalla Piallassa Piomboni al largo di Marina di Ravenna, previste per domenica 7 novembre, il servizio di protezione civile del Comune fa il punto sull'organizzazione. Sono circa 4000 le persone residenti all'interno dell'area presidiata dalle operazioni, che domenica prossima dovranno adempiere all'ordinanza del sindaco a tutela della incolumità

 

Ordinanza che prevede sia a Marina di Ravenna che a Porto Corsini l'evacuazione obbligatoria di alcuni edifici entro le 9, o il permanere all'interno di  altri, al chiuso, dalle 9 in poi, a seconda della posizione degli edifici stessi.  

 

Mentre l'ordinanza, insieme con la cartina e l'elenco delle strade e dei numeri civici corrispondenti alle famiglie che dovranno seguire i due differenti comportamenti (evacuazione o riparo al chiuso) è stata recapitata porta a porta agli interessati in base ai nominativi forniti dall'Anagrafe, nelle cosiddette seconde case, così come nei negozi, e in altri servizi pubblici è stato distribuito un volantino informativo da parte dei volontari della circoscrizione del Mare.

 

Tutte le informazioni sono presenti sul sito www.comune.ra.it e si possono richiedere al numero 0544 482482.

 

Centri di accoglienza e bus navetta

Le persone che, dovendo abbandonare la propria abitazione, non hanno luoghi e mezzi per recarsi altrove, potranno recarsi nei centri di accoglienza predisposti dal Comune nelle due località.

A Marina di Ravenna sarà aperto il Centro Culturale Polivalente in via Agamennone Vecchi 111, per i residenti locali; a Marina Romea, l'Hotele Columbia in viale Italia 70 riceverà i residenti di Porto Corsini.

 

 

Trasporti e viabilità

Entrambi i centri potranno essere raggiunti anche con il servizio di bus navetta gratuito (andata e ritorno), a partire dalle ore 8 con passaggi ogni 12-15 minuti; ultima corsa alle 8,45.

 

Per il centro di Marina di Ravenna il percorso è: via IV novembre, viale Spalato, viale Thaon de Revel, viale Vecchi, via dei Mille, via Trieste, via IV novembre, capolinea al Centro di Accoglienza; le fermate saranno opportunamente segnalate.

 

Per l'Hotel Columbia il percorso è: via Baiona, via Volano, via Reno, via Molo San Filippo, via Baiona, Hotel Columbia. 

 

Dalle ore 9 sarà interrotto il servizio di traghetto fra Marina di Ravenna e Porto Corsini e il servizio di trasporto pubblico subirà modifiche del percorso non potendo circolare nelle aree interdette.

Per agevolare il deflusso di veicoli e dei pedoni dall'area da evacuare un' ordinanza comunale istituisce dalle ore 8 alle ore 9 di domenica 7 novembre, il divieto per tutti i veicoli e pedoni di accedere alla viabilità all'interno del perimetro di evacuazione, consentendo quindi il solo transito nella direzione dell'uscita.

 

 

Presidio di sicurezza

A tutela della cittadinanza, durante tutto il periodo necessario alle operazioni di rimozione e di trasferimento dell'ordigno al di fuori delle acque portuali, la zona sarà presidiata dalle Forze dell'Ordine impegnate con idonei servizi di vigilanza e di interdizione delle aree interessate.

 

 

Suggerimenti

L'Amministrazione Comunale scusandosi per il disagio, invita la cittadinanza a collaborare per la riuscita dell'operazione e fornisce le seguenti  raccomandazioni e consigli utili:

-       chi si trova in particolari condizioni di salute può chiamare il 118;

-       portare con sé farmaci abituali, chi porta con sé bambini ricordi di portare il necessario per accudirli;

-       nel punto di accoglienza sarà possibile portare con sé animali domestici custoditi in appositi contenitori, (cani con guinzaglio e museruola), portando con sé cibo e bevande ad essi necessari;

-       uscendo di casa ricordarsi di spegnere tutte le luci e chiudere il contatore del gas; rientrando a casa riaprire il contatore del gas e prima di accendere le luci, verificare annusando eventuali fughe.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -