Bonaccini ricorda Marco Biagi: "Uomo coraggioso e studioso di grande valore"

Il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, nel giorno dell’anniversario dell’uccisione del giuslavorista bolognese, colpito a morte dalle Nuove Brigate Rosse davanti alla sua abitazione, a Bologna, il 19 marzo 2002.

“Ricordare Marco Biagi vuol dire ricordare un uomo coraggioso, attento all’impegno e alla responsabilità sociale, uno studioso, un docente universitario di grande valore. E vuol dire continuare fare memoria su un fatto drammatico, un evento inaccettabile, e su anni bui, caratterizzati però dalla reazione dell’intero Paese di fronte al delirante disegno di chi scelse il terrorismo rinnegando la democrazia e i valori costituzionali alla base del nostro convivere civile, terroristi che mai hanno avuto e mai avranno alcuna giustificazione, alcuna ragion d’essere”. Così il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, nel giorno dell’anniversario dell’uccisione del giuslavorista bolognese, colpito a morte dalle Nuove Brigate Rosse davanti alla sua abitazione, a Bologna, il 19 marzo 2002.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“A nome di tutta la comunità regionale, esprimo vicinanza e solidarietà alla signora Marina Orlandi Biagi e a tutti i famigliari del professor Biagi, e a coloro che hanno condiviso con lui in ambito accademico un percorso che guardava al bene comune”. 
“Si trattò di un colpo tremendo per il nostro Paese e per la nostra regione- prosegue Bonaccini- una terra che ha sempre sperimentato un riformismo spesso anticipatore, come dimostrava anche l’opera di analisi e ricerca portata avanti da Marco Biagi sull’evoluzione del mercato del lavoro, perseguendo obiettivi di crescita e maggiori opportunità, soprattutto per i più giovani, ma sempre associati a giustizia ed equità sociale, per una collettività inclusiva- conclude il presidente della Regione- che non lasciasse indietro nessuno”. 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -