Bonanni insultato e contestato dai precari

Bonanni insultato e contestato dai precari

Bonanni insultato e contestato dai precari

ROMA - Il segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni, è stato contestato da un gruppetto di lavoratori e precari nell'Auditorium di Via Rieti, dove'era in corso la presentazione di un suo libro. I manifestanti hanno urlato "fascisti", "ladri", "servi" e "vergogna" e scandito slogan come "il contratto non si tocca" e "noi la crisi non la paghiamo". Quindi hanno inneggiato allo sciopero generale. Ci sono stati anche tafferugli con le forze dell'ordine.

 

Alcuni contestatori sono stati allontanati con la forza da parte del servizio d'ordine. Nel parapiglia sono cadute piante e transenne ed un uomo di 74 anni si è fatto male a una spalla ed è dovuto ricorrere a cure mediche. All'esterno il gruppo di manifestanti se ne è andato. All'interno dell'Auditorium, si è discusso di Mirafiori.

 

Il segretario della Uil, Luigi Angeletti, ha dichiarato di voler "fare un accordo e salvare Mirafiori, rilanciandolo". Angeletti ha concluso osservando che "si tratta di capire che garanzie vuole Marchionne per investire". Sul tema è intervenuto anche Bonanni, secondo il quale Marchionne deve chiarire sugli investimenti per spianare la strada verso un'intesa, come per Pomigliano.

 

Il segretario della Cisl si è detto disponibile a discutere di una contratto specifico per il settore auto, che resti però "all'interno della cornice nazionale e del modello contrattuale sottoscritto nel 2009".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -