Brasile, protesta unanime per il caso Battisti. Berlusconi: non finisce qui

Brasile, protesta unanime per il caso Battisti. Berlusconi: non finisce qui

Brasile, protesta unanime per il caso Battisti. Berlusconi: non finisce qui

Le tensioni attorno alla vicenda del mancato rimpatrio dell'ex terrorista Battisti, si fanno sempre più accese. La decisione assunta dal presidente Lula un minuto prima di concludere il proprio mandato presidenziale, ha portato martedì migliaia di persone in piazza in tutta Italia, soprattutto davanti alle sedi diplomatiche brasiliane ma non solo. Il presidente del consiglio Silvio Berlusconi, ha incontrato il figlio del gioielliere Torreggiani, uno degli omicidi di cui è accusato Battisti.

 

Nella terza settimana di gennaio, ha annunciato Berlusconi, il premier e il figlio della vittima terranno una conferenza stampa "per far conoscere la realtà dei fatti e arrivare fino alla corte di giustizia de L'Aja". L'avvocato dello Stato ha già depositato al Supremo Tribunal Federal a Brasilia "un ricorso per bloccare il rilascio" dal carcere, come disposto dal governo sudamericano.

 

Tutti i partiti politici hanno manifestato a Roma contro il provvedimento. Lo hanno fatto però in modo separato, alternandosi davanti alla sede dell'ambasciata (splendida) in piazza Navona, perdendo così una occasione per unirsi una volta tanto attorno ad un problema su cui la visione sembra essere abbastanza comune.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -