Brisighella, cene a tratti d'autore

Brisighella, cene a tratti d'autore

BRISIGHELLA - Quattro giovedì di Cene a tratti d'Autore fanno da trait d'union tra Brisighella Romantica, appena conclusa, e Calici di Stelle, martedì 10 agosto.

 

A intrattenere il visitatore che raggiunge i tre colli ci sono quattro serate a tema, giovedì 22 e 29 luglio, 5 e 9 agosto: narrazioni piacevoli con favole di territorio e gastronomia che, in centro storico, che culminano con Calici si stelle, nella notte di San Lorenzo, martedì 10 agosto.

I ristoranti del borgo propongono raffinati ensemble di cibo e vino abbinati all'argomento della serata e ai vini dei produttori di Val d'Amone.

Per ogni giovedì la presentazione è alle ore 20 al bar Aurora di piazza Carducci.

 

Giovedì 22 luglio una storia di convivenza in cucina fa da sfondo alla presentazione del libro "Due cuori e un fornello" di Ilaria Mazzarotta, giornalista e autrice radiofonica di Radio 2. Sperimentatrice e creativa di piatti semplici, ama la cannella nella torta di mele e il liquore nel tiramisù.

 

Giovedì 29 luglio l'olio di Brisighella, portato ai recenti successi dalle tecnologie in frantoio della Cooperativa Agricola Brisighellese, è raccontato dal presidente del Consorzio di tutela dell'olio extra vergine Dop, Franco Spada. È la storia del succo di extravergine e di un territorio dalle mille sfaccettature lungo un viaggio tra i pendii assolati degli uliveti di Brisighella.

 

Giovedì 5 agosto, serata in collaborazione con la condotta Slow Food Faenza-Brisighella. Stefano Tellarini, tecnico specializzato in frutticoltura, viticoltura e orticoltura biologica è considerato "archeologo dei semi". La sua passione di ricercare le vecchie cultivar locali condotte in biologico è argomento della sua narrazione in perfetto stile "Terra Madre".

 

Giovedì 9 agosto il prosciutto è un altro ‘pezzo' di Mora romagnola che entra nell'olimpo dell'alta norcineria insieme a coppe e salami. A parlarne è Cesare Dacci, veterinario e responsabile del presidio Slow Food per la Mora di Romagna, trascinatore del Consorzio Copaf che ha portato questa razza suina in via d'estinzione ai massimi vertici dell'alta gastronomia.

 

Martedì 10 agosto nella Notte di San Lorenzo assaggi e narrazioni si sorseggiano dentro ai calici offerti dai vignaioli di Val d'Amone presenti con le proprie eccellenze in piazza Marconi, di fronte alla via degli Asini. Sono storie d'amore tradotte in nettari potenti e succosi che insieme all'olio extravergine raccontano la passione dei produttori e le ricchezze di argille e calanchi.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -