BRISIGHELLA - Il consiglio comunale respinge la richiesta di dimissioni del sindaco Sangiorgi

BRISIGHELLA - Il consiglio comunale respinge la richiesta di dimissioni del sindaco Sangiorgi

BRISIGHELLA – Il consiglio comunale di Brisighella respinge la richiesta di AN e Forza Italia delle dimissioni del sindaco Cesare Sangiorgi. E lo fa attraverso una nota ufficiale rilasciata per il gruppo consiliare “Insieme per Brisighella” dall’assessore all’urbanistica Viscardo Baldi.


“La volontà di giungere in tempi brevi ad un chiarimento e ad una soluzione dei problemi derivanti dalla vicenda giudiziaria che ha coinvolto l’ingegnere capo del comune è sempre stata apertamente dichiarata e perseguita da questa amministrazione”. Nella nota si evince poi come “due siano stati i limiti che hanno rallentato l’iter: doversi adattare ai tempi della magistratura e le difficoltà di trovare soluzioni compatibili con le normative vigenti. Come consigliatoci dal nostro legale – afferma Baldi - abbiamo aspettato ad intervenire con atti urbanistici ed amministrativi, almeno la conclusione del primo grado del processo. Nel frattempo però abbiamo incaricato l’ing. Reggiani e gli arch. Nonni e Angelini, affinché studiando la situazione ci indicassero gli atti necessari per affrontare i problemi emersi e una soluzione rispettando le norme”.


Una presa di posizione netta in favore della buona condotta amministrativa e politica tenuta dall’amministrazione che fa seguito ad un ordine del giorno ed una lettera che A.N. ha inviato a tutte le famiglie. Documentazione che per la maggioranza “fonde in modo inopportuno gli aspetti giudiziari con quelli politici ed etici. “L’opposizione parla di un significato politico della sentenza – precisa l’assessore - e arriva alla conclusione di richiesta di dimissioni del Sindaco. A noi sembra invece che se guardiamo il percorso giudiziario il sindaco non sia stato indagato. Anzi essendoci costituiti parte offesa ci hanno riconosciuto danni (provvisoriamente) per 50.000 euro”. Ed ancora “l’affermazione che il sindaco conoscesse i fatti, che avesse sottovalutato certi segnali, che abbia sostanzialmente dormito, sono false e strumentali sapendo bene che amministrare comporta senso di responsabilità e non giudizi affrettati”.


I provvedimenti dell’amministrazione brisighellese sono infatti chiari. È stato sollevato l’ing. capo dall’incarico di responsabile del Settore Urbanistico ed è stato segnalato, a chi di competenza, quanto appreso già un anno prima che iniziasse il procedimento giudiziario.

“Il Sindaco non è stato chiamato a rispondere di nessuna accusa perché non sono emerse sue precise responsabilità, a parte la questione di un minimo spostamento dell’area a parcheggio e del verde pubblico, tutte le altre questioni erano attinenti a rapporti tra privati. Il problema grave di questa situazione – ci tiene a sottolineare l’esponente della maggioranza - è sicuramente stato il conflitto di interessi, ma la responsabilità di tutto ciò è di chi l’ha costruita ed alimentata con atti giudicati colposi dalla magistratura. Abbiamo, sindaco in testa, sempre lavorato con tanto impegno per dare soluzione ai problemi di tutti indistintamente, assumendoci responsabilità e di fronte alla troppa burocrazia, ai tempi troppo lunghi, abbiamo sempre cercato usando buon senso e concretezza, soluzioni per le imprese e per tutti i cittadini.


Infine arriva anche il contrattacco da parte della maggioranza. “Come fate ad accusare il sindaco ora – sostiene Baldi - quando all’epoca dei fatti, avete dato pubblicamente la vostra fiducia. Richiamate il sindaco per etica politica e responsabilità a dimettersi oppure chiedete al consiglio di sfiduciarlo, noi invece contrapponiamo alle vostre ingiuste critiche di avere danneggiato l’immagine del paese e le famiglie di via Parini, la realtà di un sindaco e della sua amministrazione che hanno dato immagine al paese e costruito opere che sono sotto gli occhi di tutti. Potete essere soddisfatti del risultato del Vostro ordine del giorno: ci ha fatto male. Ha fatto male al Gruppo, alla Giunta a tutte le persone che sono vicino al Sindaco, e sicuramente anche a lui. Ma – continua - farà male anche a voi perché per la politica non si può mettere tutto sotto i piedi. Respingiamo quindi al mittente il mancato senso di responsabilità e di etica politica e votiamo con tanto piacere la fiducia a Cesare Sangiorgi”.

Per quanto riguarda il futuro nel prossimo consiglio la maggioranza porterà gli studi fatti dagli Arch. Nonni e Angelini, dove vengono definiti i percorsi, che nel rispetto della normativa vigente porterà ad una soluzione dei tanti problemi che tutta la vicenda ha aperto.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -