Bufera escort, Nadia Macrì annulla l'incontro con la stampa: ''Devo tacere''

Bufera escort, Nadia Macrì annulla l'incontro con la stampa: ''Devo tacere''

Bufera escort, Nadia Macrì annulla l'incontro con la stampa: ''Devo tacere''

REGGIO EMILIA - Con le sue presunte rivelazioni festini a base di sesso ad Arcore ha attirato su di se tutta l'attenzione mediatica, tirando in ballo il premier Silvio Berlusconi, il ministro Renato Brunetta e il sindaco di Parma Vignali, che si sono affrettati a smentire minacciando querele. Giovedì pomeriggio, in una conferenza stampa annunciata per le 15 d'intensa con l'avvocato Noris Bucchi, l'ex escort Nadia Macrì, 28 anni, avrebbe voluto rilevare tutti i particolari.

 

Tuttavia, come hanno spiegato i difensori della ragazza, le è stato imposto dall'autorità giudiziaria il divieto di divulgare i fatti e circostanze oggetto delle indagini sui presunti festini. "La ragazza non è indagata - ha affermato l'avvocato Bucchi -. E' stata ascoltata solo come persona informata dei fatti". Quindi ha aggiunto: "Sono al suo fianco solo per aiutarla a fronteggiare l'assalto della stampa...".

 

Il nome di Nadia Macrì è balzato al centro della cronaca dopo esser stata citata da Perla Genovesi, l'assistente parlamentare del Pdl accusata dalla Procura di Palermo di essere una narcotrafficante. Ascoltata dai pm di Palermo, la escort emiliana ha spiegato di aver visto tre volte Berlusconi, e di aver avuto rapporti sessuali con lui due volte, ciascuna delle quali pagata cinquemila euro. La giovane ha raccontato di aver conosciuto il premier attraverso l'agente dei vip Lele Mora.

 

La Macrì ha dichiarato di essere arrivata ad Arcore la prima volta in compagnia di altre ragazze, di Lele Mora e del direttore del Tg4 Emilio Fede. Nel racconto la Macrì ha tirato in ballo anche il ministro Brunetta, che ha smentito categoricamente la testimonianza, con il quale ha sostenuto di aver avuto rapporti sessuali in due occasioni in cambio di un suo interessamento in una vicenda processuale. Brunetta ha definito le parole della 28enne  "fuori dalla grazia di Dio". Gli atti giudiziari, che risalgono a qualche settimana fa come le deposizioni di Nadia, sono stati inviati alla procura di Milano.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -