Caccia in deroga: Cia e Confragricoltura si oppongono al ricorso delle associazioni animaliste

Caccia in deroga: Cia e Confragricoltura si oppongono al ricorso delle associazioni animaliste

Caccia in deroga: Cia e Confagricoltura dell'Emilia-Romagna impugnano l'arma della giurisprudenza e presentano opposizione al ricorso d'urgenza presentato al Tar (Tribunale amministrativo regionale) dell'Emilia-Romagna dalle associazioni Lav (Lega anti vivisezione), Lac (Lega anti caccia) ed Enpa (Ente nazionale protezione animali). Il ricorso presentato dagli animalisti, infatti, è finalizzato all'ottenimento della sospensiva della Delibera della Giunta della Regione Emilia-Romagna che regolamenta la caccia in deroga alla specie storno in alcuni comuni delle province (esclusa Piacenza) della regione ed alla specie tortora dal collare nelle province di Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini.

 

"In considerazione degli ingenti danni che questi volatili arrecano alle coltivazioni e che solo parzialmente vengono risarciti - scrivono Cia e Confagricoltura - non si comprende l'accanimento di certe associazioni, che si definiscono ambientaliste, nel voler impedire un'attività di prelievo che può ridurre l'onere a carico degli agricoltori. Tale insistenza - proseguono Cia e Confagricoltura - è ancor più incomprensibile alla luce della sentenza del Consiglio di Stato che, in merito ad analogo ricorso presentato lo scorso anno, aveva confermato la correttezza dell'operato della nostra Regione".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -