Caccia, via libera alle modifiche a legge regionale: "Necessarie per il nuovo calendario venatorio"

Mercoledì si sono esaminati e votati i 60 articoli del testo e il provvedimento nel suo complesso, i 168 emendamenti e un ordine del giorno, dopo che in quella di ieri si era chiusa la discussione generale

L’Assemblea legislativa ha approvato, con emendamenti, il progetto di legge di iniziativa della Giunta che introduce modifiche alla legge regionale per la protezione della fauna selvatica e per l’esercizio dell’attività venatoria. Hanno votato a favore del provvedimento legislativo Pd, Sel e AltraER, contro il M5s, mentre si sono astenuti Ln, Fi e Fdi-An. Mercoledì si sono esaminati e votati i 60 articoli del testo e il provvedimento nel suo complesso, i 168 emendamenti e un ordine del giorno, dopo che in quella di ieri si era chiusa la discussione generale. L’obiettivo del progetto di legge, aveva spiegato il relatore, Gian Luigi Molinari (Pd), è quello “di adeguare le norme regionali in materia di protezione della fauna selvatica e di attività venatoria alle novità legislative introdotte dalla recente riforma del sistema di governo regionale e locale e dal collegato ambientale alla legge di Stabilità, che ci ha permesso, in modo condiviso, di apportare utili semplificazioni normative in merito alle procedure autorizzative di appostamenti fissi e altane”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Pertanto, “un atto necessario per approvare il Calendario venatorio regionale e consentire la gestione della caccia fino alla riforma integrale della legge regionale vigente, prevista, dopo un approfondito confronto con tutti i portatori d’interesse e l’auspicabile contributo di tutti i gruppi assembleari, verso la fine dell’anno”. Il relatore di minoranza, Massimiliano Pompignoli (Lega Nord), aveva invece criticato “la scelta del doppio intervento legislativo”, preannunciando la presentazione di un ordine del giorno per impegnare l’Aula e la Giunta ad approvare la legge di riforma “entro il 1^ giugno prossimo, in tempo per la prossima stagione venatoria”. Aveva poi espresso apprezzamento “per gli emendamenti condivisi con la maggioranza che chiariscono e semplificano le norme sugli appostamenti fissi strettamente funzionali all’attività venatoria, prevedendo per quelli di natura precaria e facilmente rimovibili una semplice comunicazione al Comune territorialmente competente”.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -