Cadavere nel pozzo, indagato il marito della 23enne

Cadavere nel pozzo, indagato il marito della 23enne

La casa colonica e il pozzo dove è stato trovato il cadavere della 23enne (Foto di Massimo Argnani)

RAVENNA - Omicidio volontario. E' questa l'accusa per la quale è stato indagato Marco Cantini, l'imprenditore edile di 35 anni, marito di Yanexy Gonzales Guevara, la giovane cubana di 23 anni scomparsa lo scorso 21 agosto trovata senza vita martedì sera in un pozzo di Passogatto,nella Bassa Lughese. L'avvocato del 35enne, Nicoletta Falmini, ha spiegato che si tratta di un atto dovuto, notificato mercoledì pomeriggio prima dell'inizio dell'autopsia.

 

> GUARDA LA FOTOGALLERY di Massimo Argnani

 

LA SCOMPARSA - Yanexy era scomparsa il 21 agosto. A denunciare la sparizione ai Carabinieri era stato lo stesso marito. Le indagini, coordinate dal pm di turno Francesco Alvino, sono state affidate ai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Ravenna che hanno collaborato con i colleghi del Nucleo Operativo della Compagnia di Lugo. Sono state ascoltate diverse persone informate sui fatti e acquisiti i tabulari telefonici della giovane.

 

LE INDAGINI - Dai diversi interrogatori è emerso che tra i due coniugi vi erano state forti tensioni, con la 23enne che aveva più volte manifestato il desiderio di abbandonare la casa insieme alla bambina. Yanexy, inoltre era seguita dal Simap. Dopo il parto, avvenuto due anni fa, era caduta in depressione. Martedì pomeriggio gli uomini dell'Arma, con la collaborazione del personale della Scientifica, hanno setacciato l'area attorno alla loro abitazione, focalizzando le attenzioni su una casa colonica.

 

IL RITROVAMENTO - In un pozzo profondo circa sette metri è stato trovato il corpo della 23enne. Sul posto sono immediatamente intervenuti il pm Francesco Alvino, il comandante dei Carabinieri di Lugo, il capitano Giuseppe Marinelli, il personale della Squadra Mobile e del Commissariato di Polizia di Lugo. Ai sub dei Vigili del Fuoco di Bologna il compito di recuperare il cadavere, effettuato in tarda serata.

 

IPOTESI - Il medico legale Renato Bertoli ha esaminato il corpo di Yanexy senza riscontrare apparenti lesioni. Solo l'autopsia potrà rispondere all'interrogativo sul quale i Carabinieri sono al lavoro per dare una risposta: è omicidio o suicidio? Se nei polmoni della giovane vittima non venisse trovata l'ipotesi del delitto è giustificata. Il pm sembra intenzionato a procedere al sequestro dell'abitazione, dell'auto provata e del furgone della ditta del marito della 23enne.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -