Calcio, il presidente del Ravenna: "Senza soldi la LegaPro morirà"

Calcio, il presidente del Ravenna: "Senza soldi la LegaPro morirà"

Calcio, il presidente del Ravenna: "Senza soldi la LegaPro morirà"

RAVENNA - Nella riunione del 9 febbraio della VII Commissione Cultura, Scienza e Istruzione della Camera dei Deputati, la Lega Pro è riuscita a raggiungere l'obiettivo di mantenere aperta la partita relativa alla distribuzione dei corrispettivi derivanti dai diritti audiovisivi della serie A e alla percentuale da destinate alle Società di Prima e Seconda Divisione. Gianni Fabbri, presidente del Ravenna e consigliere di Lega: "Se non si interviene, il calcio di Lega Pro è destinato a morire".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fabbri, che è anche consigliere di Lega, ha dichiarato: "Concordo pienamente con la posizione che sta portando avanti Macalli e, come lui, sostengo che, se non si interviene in modo diretto e concreto, il calcio di Lega Pro, è destinato lentamente a morire. Se alla Lega Pro dovesse essere destinato solo l'1% delle risorse derivanti dalla suddivisione dei proventi dei diritti radiotelevisivi sarebbe evidente che il nostro calcio non avrebbe più risorse e mezzi per poter andare avanti".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -