Calcio scommesse, il ds Buffone vuota il sacco: ''50mila euro per perdere? Pochi''

Calcio scommesse, il ds Buffone vuota il sacco: ''50mila euro per perdere? Pochi''

Calcio scommesse, il ds Buffone vuota il sacco: ''50mila euro per perdere? Pochi''

RAVENNA - Il direttore sportivo del Ravenna, Giorgio Buffone, vuota il sacco davanti al gip di Cremona, Guido Salvini, che si sta occupando dell'inchiesta sul calcio scommesse "Last Bet". Nell'interrogatorio che si è svolto giovedì, Buffone ha spiegato che c'erano i contatti tra calciatori e calciatori, ma anche tra calciatori e scommettitori. Non solo: il ds ha rilevato che ci sarebbero stati accorti tra società con l'obiettivo di tentare di truccare le partite.

 

Davanti al gip il direttore sportivo giallorosso ha parlato di tre formazioni: Ravenna, Verona, Alessandria, che, nella stagione appena conclusa, hanno giocato nello stesso girone della Lega Pro al quale era iscritta la Cremonese, squadra dalla quale è partita l'inchiesta. Buffone, ritenuto uno dei personaggi chiave dell'inchiesta, si è concentrato in particolare su Alessandria-Ravenna, rivelando come avvenivano contatti e accordi.

 

Buffone ha parlato di un incontro con il presidente dell'Alessandria: "Mi ha detto - ha affermato il ds del Ravenna secondo quanto riportato dalle agenzie di stampa - che voleva vincere e mi ha offerto 50 mila euro. Allora io ho risposto: '50mila euro, te ne offro io 100 ma era un modo di dire, dove vai uno perde una partita per 50mila euro?". "Troppo poco", ha convenuto il gip Salvini. "Voglio dire - ha ripreso Buffone - non ha senso, anche perché noi vincendo quella partita ci saremmo messi poi nel discorso dei prof... insomma, voglio dire".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -