Calcio scommesse, nuovo interrogatorio di Buffone: ''Solo chiacchiere in libertà''

Calcio scommesse, nuovo interrogatorio di Buffone: ''Solo chiacchiere in libertà''

Calcio scommesse, nuovo interrogatorio di Buffone: ''Solo chiacchiere in libertà''

RAVENNA - Nuovo interrogatorio mercoledì per Giorgio Buffone, il direttore sportivo del Ravenna agli arresti domiciliari nell'ambito dell'inchiesta della Procura di Cremona sul calcio scommesse. Assistito dagli avvocati Alessandro Petrillo e Alfonso Vaccari, l'indagato ha affermato al procuratore capo Roberto Di Martino di non esser mai riuscito a vendere o a comprarsi una partita, ma implicitamente ha ammesso di averci almeno provato. Soddisfatti i legali.

 

Gli avvocati sono anche fiduciosi su una possibile concessione degli arresti domiciliari nei prossimi giorni. Quindi hanno sottolineato come Buffone "non ha guadagnato un euro in tutta la vicenda" e che gli "'abboccamenti' non si sono mai concretizzati in risultati alterati".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Buffone ha parlato di "chiacchiere in libertà", ribadendo "che nulla si è mai concretizzato". Giovedì sarà invece ascoltato l'albanese Ismet Mehmeti, ritenuto dal gip Guido Salvini "il finanziatore occulto del Ravenna".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -