Calcio scommesse, Pirani ai pm: trenta le partite truccate

Calcio scommesse, Pirani ai pm: trenta le partite truccate

Calcio scommesse, Pirani ai pm: trenta le partite truccate

CREMONA - Sono una trentina le partite tra Serie A, B e Lega Pro truccate. E' quanto ha riferito Marco Pirani, il medico odontoiatra arrestato nell'ambito dell'inchiesta sul calcio scommesse. L'indagato ha parlato per oltre sette ore davanti al procuratore capo di Cremona Roberto Di Martino. "La sensazione è che ci siano partite truccate di serie A a livello di società", ha detto il pm Di Martino, ipotizzando discorsi che vanno al di la delle scommesse portate avanti dalla società di A.

 

Nell'interrogatorio davanti al gip che ne aveva disposto l'arresto, Guido Salvini, Pirani aveva già parlato di tre partite di Serie A, che vedevano coinvolte cinque squadre e che andavano ad aggiungersi alle 18 già contenute nell'ordinanza di custodia cautelare. Si tratta di Fiorentina-Roma (2-2), Lecce-Cagliari (3-3) e Genoa-Lecce (4-2). E gli inquirenti starebbero attenzionando anche la gara Milan-Bari, del 26 marco scorso.

 

Nel frattempo la Procura di Napoli ha aperto un fascicolo sull'incontro di calcio Napoli-Parma dell'aprile 2010 sulla base di elementi investigativi raccolti negli ultimi giorni, e in particolare sulla fotografia in cui Antonio Lo Russo, esponente dell'omonimo clan camorristico del quartiere Miano, compare a bordo campo durante la gara.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il precedente fascicolo, aperto dal pm Luigi Alberto Cannavale sulla base delle dichiarazioni del boss pentito Salvatore Lo Russo, zio di Antonio, era stato invece inviato nel luglio dello scorso anno alla Procura della Federcalcio, perchè non erano emersi elementi sufficienti a sostenere accuse penali.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -