Camera di commercio, nel 2007 promozione per 4,5 mln di euro

Camera di commercio, nel 2007 promozione per 4,5 mln di euro

FORLI' - Un bilancio rinnovato anche nell'impostazione, quello che è stato approvato il 27 novembre scorso dal Consiglio della Camera di Commercio di Forlì-Cesena per l'anno 2007.
Seguendo le indicazioni contenute nelle linee programmatiche per il quinquennio 2003/2008, l'ente Camerale ha in questi anni svolto un'intensa attività a favore dell'economia locale in stretto contatto con le Associazioni di categoria, in un'ottica di programmazione e progettazione delle iniziative secondo una logica di "sistema", con lo sguardo rivolto, oltreché all'efficacia degli interventi, anche all'ottimizzazione delle risorse.


L'impegno della Camera sarà principalmente rivolto, anche per il prossimo anno, alle cinque linee prioritarie, strategiche per l'Ente: l'internazionalizzazione, con l'offerta di servizi, strumenti e progetti integrati a favore dei settori e filiere produttive della provincia; il sostegno al credito, per favorire l'accesso alle risorse finanziarie necessarie per avviare investimenti innovativi; I'informazione economica, con il costante monitoraggio della realtà territoriale non solo provinciale a supporto del processo decisionale delle istituzioni e degli operatori; la regolazione del mercato, a tutela dell'impresa e del consumatore, nell'ambito anche della cultura conciliativa ed arbitrale; l'innovazione e lo sviluppo sostenibile, attraverso l'attività posta in essere dall'Azienda Speciale CISE.


Il preventivo 2007, in adeguamento alla normativa recente, è redatto secondo una logica non più finanziaria ma economica con l'attribuzione, ad ogni funzione istituzionale, di proventi, oneri ed investimenti ad essa riferibili. Come immediata conseguenza, nel bilancio 2007 è previsto un considerevole aumento dell'importo destinato alle attività promozionali, che passa dai 3.350.000 euro a quasi 4.500.000, per il rifinanziamento delle iniziative non concluse nell'anno 2006 e negli anni precedenti, per una quota pari a oltre il 46% delle entrate complessive.


Esaminando nel dettaglio le singole voci, sono destinati oltre 900.000 di euro, per interventi a favore del mercato interno, in particolare per iniziative relative al tema della finanza d'impresa, in collaborazione con altri Enti pubblici. Rientrano in questa voce anche le azioni per la valorizzazione dei settori economici in collaborazione con le organizzazioni imprenditoriali provinciali. Quasi 900.000 euro sono dedicati alla formazione, agli studi e alle ricerche, nonché ad interventi per l'innovazione tecnologica e organizzativa, la ricerca e lo sviluppo, l'ambiente, il sostegno a nuove idee in campo imprenditoriale, anche femminile e giovanile.


Il credito alle imprese assorbe risorse per 700.000 euro e prevede la contribuzione al fondo di garanzia e l'abbattimento del costo degli interessi sui finanziamenti garantiti dai confidi, per i settori agricolo, industriale e commerciale. Infine per favorire l'"apertura" delle aziende nei confronti del mercato globale attraverso processi di internazionalizzazione, vengono stanziati quasi 1.500.000 euro per una serie di iniziative volte a stimolare la globalizzazione del sistema economico provinciale attraverso azioni per agevolare l'aggregazione delle imprese, per incentivare un più efficace presidio della funzione di marketing internazionale, oltre a ricerche di mercato, ricerche di partner, missioni economiche in entrata e uscita al fine di facilitare l'incontro fra operatori italiani e stranieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


«Nel 2007 - sottolinea Sergio Mazzi, Presidente dell'Ente Camerale- si rafforzerà ulteriormente il ruolo dell'Ente Camerale come prezioso "alleato" dell'economia provinciale, in grado di operare in sinergia con le istituzioni e le Associazioni di categoria per la costante crescita della realtà locale. In questa ottica sistemica lavoreremo con tutti gli attori del territorio di volta in volta interessati, in particolare attraverso i 4 Tavoli attivati, cioè il Tavolo sulle tematiche legate alla "finanza d'impresa" (che comprende i Confidi, le Associazioni di categoria, il sistema bancario); il Tavolo "Internazionalizzazione", che definisce congiuntamente le strategie che sono poi realizzate attraverso l'Ufficio Estero allargato (che comprende il personale, della Camera e delle Associazioni, che opera nel settore dell'internazionalizzazione); il Tavolo "Innovazione", che definisce le iniziative e gli strumenti a favore delle imprese, con il coinvolgimento dell'Università, associazioni e organismi specializzati; il Tavolo "Enogastronomia e promozione del territorio" che in questo caso ha una valenza ultraprovinciale perché comprende le tre Camere di Commercio e le tre Province romagnole, il Gal L'Altra Romagna, le Strade dei Vini e dei Sapori, l'Assessorato all'Agricoltura della Regione Emilia-Romagna. Tutto ciò viene fatto nell'ottica sia di evitare duplicazioni, che di porre in essere progetti che siano il più possibile efficaci per le imprese, in uno spirito di ottimizzazione delle risorse necessarie.»

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -