Carabinieri aggrediti, il gip: ''eplosione di ferocia inaudita''

Carabinieri aggrediti, il gip: ''eplosione di ferocia inaudita''

Carabinieri aggrediti, il gip: ''eplosione di ferocia inaudita''

GROSSETTO - Sono stazionarie le condizioni dei due carabinieri aggrediti nella nottata tra Pasqua e Pasquetta, in provincia di Grossetto. Entrambi si trovano ricoverati all'ospedale Le Scotte di Siena: Antonio Santarelli, 43 anni è in coma farmacologico dopo essere stato operato per la riduzione di un ematoma alla testa; mentre migliorano leggermente le condizioni di Domenico Marino, che rischia di perdere l'occhio destro.

 

Nell'ordinanza di convalida dell'arresto di Matteo Gorelli, 19 anni, il gip ha parlato di "un'esplosione di ferocia inaudita", di "spietatezza" e "lucidita", aggiungendo che si tratta di "un soggetto altalmente pericoloso". Tuttavia non ha agito da solo per compiere "un simile massacro", che è frutto della violenza di più persone. Il giovane si è avvalso della facoltà di non rispondere, ma ha chiesto informazioni sulle condizioni di salute dei due militari.

 

Giovedì intanto il tribunale dei minori di Firenze si pronuncerà sugli arresti dei tre minorenni, che per il momento sono al Centro di prima accoglienza, accanto allo stesso tribunale, e che ancora non hanno quindi potuto parlare con gli avvocati chiamati dai rispettivi genitori. Tutti sono accusati di tentato duplice omicidio, oltre che di rapina e resistenza. "Questi devono pagare per quello che hanno fatto", ha affermato il sindaco di Firenze, Matteo Renzi.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -