Carcere sovraffollato, Italia condannata a risarcire detenuto

Carcere sovraffollato, Italia condannata a risarcire detenuto

Carcere sovraffollato, Italia condannata a risarcire detenuto

ROMA - La Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo ha condannato l'Italia a risarcire un detenuto bosniaco per i danni morali subiti a causa del sovraffollamento della cella in cui è stato recluso per alcuni mesi nel carcere di Rebibbia. Secondo la Corte, il detenuto, Izet Sulejmanovic, condannato a scontare due anni di detenzione per furto aggravato, è stato vittima di "trattamenti inumani e degradanti". La decisione è stata presa dopo il ricorso presentato dal bosniaco.

 

Tra il novembre 2002 e l'aprile 2003, secondo quanto accertato dalla corte, il detenuto ha condiviso una cella di 16,20 metri quadri con altre cinque persone disponendo, dunque, di una superficie di 2,7 metri quadri entro i quali ha trascorso oltre diciotto ore al giorno.

 

La situazione per il detenuto è poi migliorata dopo esser stato trasferito in altre celle occupate da un minor numero di detenuti. La scarcerazione è avvenuta nell'ottobre del 2003. La Corte ha condannato l'Italia a un risarcimento di mille euro nei confronti dell'ex carcerato.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -