Carceri piene in Emilia-Romagna: 1200 detenuti in più

Carceri piene in Emilia-Romagna: 1200 detenuti in più

Carceri piene in Emilia-Romagna: 1200 detenuti in più

Centocinquantadue persone per 100 posti di capienza regolamentare. E' l'indice di sovraffollamento medio delle carceri in Emilia-Romagna, che supera quello nazionale (113). Un dato non certo incoraggiante, a cui si aggiunge la generale carenza di personale. E' quanto emerge, in sintesi, dalla Relazione sulla situazione penitenziaria nel 2007 in Emilia-Romagna elaborata dalla Regione. Sono 3613 i detenuti presenti nelle carceri regionali, a fronte di 2382 posti regolamentari.

 

Nel 2007 "il numero dei detenuti è ritornato progressivamente ai livelli pre-indulto, con un incremento mensile che, a livello nazionale, si è attestato attorno alle 800 persone, a livello regionale sulle 55 - ha sottolineato l'assessore alle Politiche sociali della Regione Anna Maria Dapporto, presentando la relazione alla Giunta - . In Emilia-Romagna l'aumento complessivo nell'arco dell'anno è stato di 668 persone: + 22,68%. Nella nostra regione - ha continuato l'assessore - la situazione è grave: oltre al sovraffollamento, si rilevano quasi ovunque carenze di personale, che concorrono a rendere più drammatica la situazione. L'insieme di questi due problemi determina una degenerazione della vivibilità in carcere. Voglio ricordare - ha concluso Anna Maria Dapporto - che la responsabilità di ciò che avviene all'interno degli istituti è del ministero della Giustizia, mentre Regioni ed enti locali lavorano sul tema del reinserimento sociale e lavorativo".

 

La popolazione carceraria in Emilia-Romagna
A fine dicembre 2007, nei 12 istituti dell'Emilia-Romagna erano presenti complessivamente 3613 detenuti (3499 uomini e 114 donne), su 2382 posti di capienza regolamentare (fonte ministero della Giustizia). 1.843 gli stranieri, ovvero il 51,01% dei detenuti (in alcuni istituti la percentuale supera il 60%). Una percentuale, quest'ultima,  simile ad altre regioni del nord: nel Veneto il 60% dei detenuti sono stranieri e in Lombardia il 48%.

 

La relazione della Regione traccia un profilo della popolazione carceraria: quasi il 63% dei detenuti è residente in regione, il livello di istruzione è basso (il 31,88% ha al massimo la licenza elementare, il 57% la terza media), quasi la metà - prima di andare in carcere - risultava disoccupato. Per quanto riguarda la posizione giuridica, oltre il 70% dei detenuti è in attesa di giudizio. La maggior parte delle persone deve scontare una pena inferiore a 6 anni: la permanenza media dei detenuti in carcere risulta in generale molto bassa, mentre il turn-over è altissimo. Un aspetto, quest'ultimo, ancora più rilevante per le donne.

 

Circa le tipologie di reato in Emilia-Romagna il 40,71% dei detenuti è in carcere per reati legati alla droga; una cifra destinata a salire al 55,29% se si considerano solo gli stranieri (1019 su 1843). E se negli ultimi anni sono cresciuti in misura ridotta i detenuti per reati di stampo mafioso, è aumentato invece il numero delle persone detenute per violazione della legge sull'immigrazione.

 

L'intervento della Regione
Le attività e gli interventi che la Regione svolge a favore dei detenuti ed ex-detenuti sono regolate da Protocolli d'Intesa siglati con il ministero della Giustizia. Il reinserimento sociale è frutto di un'integrazione fra l'opera svolta durante il periodo della carcerazione e quello da svolgere successivamente; l'obiettivo quindi è sviluppare sempre più una stretta collaborazione fra gli operatori impegnati nell'attività all'interno degli istituti (appartenenti all'amministrazione penitenziaria, dipendenti da enti locali, o volontari) e gli operatori che seguiranno i casi dopo la dimissione nel territorio di appartenenza.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo strumento principale delle politiche sociali per la re-inclusione delle persone detenute è costituito dai finanziamenti regionali ai Comuni sedi di carcere all'interno del Programma finalizzato al contrasto della povertà e dell'esclusione sociale, affidato alla progettazione dei Piani sociali di zona. Ogni anno la Regione destina 400.000 euro, cifra quasi raddoppiata dagli enti locali. Attraverso i Piani sociali di zona, i Comuni continuano a gestire i progetti mirati alla mediazione culturale, al miglioramento della qualità della vita in carcere e al reinserimento socio-lavorativo delle persone. A questi strumenti si va ora a sommare la legge 3 del 2008, "Disposizioni per la tutela delle persone ristrette negli istituti penitenziari della Regione Emilia-Romagna", che consolida l'insieme delle politiche regionali sull'area penale.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -