Casa, Bortolazzi (Pdci) interviene sull'emergenza abitativa

Casa, Bortolazzi (Pdci) interviene sull'emergenza abitativa

Donatella Bortolazzi (pdci) ha rivolto un'interrogazione alla Giunta per sapere quali iniziative intenda prendere per sollecitare le Prefetture delle varie province della Regione a formare tavoli per l'emergenza abitativa, per prevenire situazioni di grave tensione sociale, per ricercare soluzioni d'urgenza. La consigliera, a questo proposito, ricorda che la città di Modena, per l'anno 2009, avrà il triste primato di essere la prima città d'Italia in rapporto al numero di abitanti in confronto al numero di sfratti (saranno infatti 1.000 gli inquilini che perderanno il proprio alloggio per morosità, perché non riescono più a pagare l'affitto), mentre nella città di Bologna, sempre per l'anno 2009, sono previste 2.900 richieste di sfratto (i dati di settembre parlano già di 2.171 richieste), di cui 820 eseguite (a oggi 615).

 

La Bortolazzi, visto che a causa dell'aggravarsi della crisi economica, il numero di domande presentate nel capoluogo di Regione, per i servizi pubblici relativi alla casa (dagli alloggi Erp al contributo all'affitto) sono in tutto 13.490 in città, per un totale di 28.702 bolognesi che si rivolgono al municipio e che dall'inizio del 2007 ad oggi le domande della graduatoria per le case popolari sono passate da 5.465 a 7.943, per un incremento del 45,34 per cento in pochi mesi, chiede quali siano i passi intrapresi nei confronti del Governo centrale per portare avanti un piano di edilizia residenziale pubblica vero (la domanda dei cittadini si concentra soprattutto sulle case Acer, che sono troppo poche rispetto gli "aventi diritto" presenti nelle graduatorie dei bandi Erp).

 

L'interrogante chiede anche se siano state previste linee di finanziamento per le ristrutturazioni degli alloggi pubblici vuoti in tutte le città della Regione (in una situazione drammatica come l'attuale, non è accettabile che alloggi di proprietà dei vari comuni rimangano inutilizzati per anni). La Bortolazzi, infine, per quanto riguarda il fondo sociale dell'affitto, domanda se è stato sollecitato il Governo centrale per un aumento del contributo statale e, di conseguenza, anche di quello regionale (la cifra che viene erogata agli "aventi diritto" è assolutamente inadeguata e non utile prevenire il fenomeno degli "sfratti per morosità").

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -