Casalesi, blitz anti-camorra: sequestri per un miliardo di euro

Casalesi, blitz anti-camorra: sequestri per un miliardo di euro

Casalesi, blitz anti-camorra: sequestri per un miliardo di euro

NAPOLI - Ancora un duro colpo contro il clan camorristico dei Casalesi. I Carabinieri hanno eseguito 17 ordinanze di custodia cautelare e decreti di sequestro di beni per un valore stimato di un miliardo di euro, emessi su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli. Tra i destinatari delle ordinanze, anche i latitanti Antonio Iovine e Nicola Schiavone, figlio del boss Francesco, meglio conosciuto come Sandokan. Diverse le accuse a vario titolo.

 

Gli indagati dovranno rispondere di associazione mafiosa,  riciclaggio e turbativa d'asta. I sequestri riguardano, imprese, complessi turistici, appartamenti e terreni. Nell'inchiesta è anche indagato il prefetto di Frosinone, Paolino Maddaloni. I pubblici ministeri ne avevano chiesto l'arresto, ma il gip Vincenzo Alabiso ha respinto la richiesta. Maddaloni è accusato di turbativa d'asta; l'appalto è quello delle centraline per il monitoraggio della qualità dell'aria a Caserta.

 

Tra i destinatari dei provvedimenti cautelari, spicca anche il nome di Nicola Ferraro, ex consigliere regionale dell'Udeur, già coinvolto in altre due inchieste, arrestato con l'accusa di associazione camorristica. Ferrraro è accusato  di aver trovato accordi, nella doppia veste di imprenditore nel settore dei rifiuti ed esponente politico, con gli esponenti delle associazioni criminali egemoni nel Casertano e, in particolare, con i reggenti dei gruppi Schiavone e Bidognetti.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -