Case popolari, quasi 630 interventi di ristrutturazione: "Impegno importante"

Approvata dalla Giunta regionale la graduatoria del bando per rendere maggiormente fruibili gli appartamenti popolari

Dall’installazione di ascensori e montascale a lavori interni come l’allargamento di porte e corridoi, fino alla rimozione di gradini e altre barriere. In totale, 628 interventi in alloggi di Edilizia residenziale pubblica, realizzati quest’anno in tutto il territorio regionale, da Piacenza a Rimini, grazie a un investimento da 11 milioni di euro della Regione Emilia-Romagna per dare una risposta al bisogno di autonomia e vita sociale di chi si muove con difficoltà, soprattutto anziani e persone con disabilità. Delle risorse complessive, 2 milioni sono già stati utilizzati per finanziare il bando uscito lo scorso febbraio; poiché le domande erano molto più numerose rispetto alle risorse previste, per soddisfare il maggior numero possibile di richieste e far scorrere la graduatoria la Giunta guidata dal presidente Stefano Bonaccini in luglio ha deciso di stanziare altri 9 milioni di euro, che hanno consentito di riaprire il bando. 

Con l’aggiornamento della graduatoria approvato in questi giorni dall’esecutivo regionale, salgono così a 628 gli interventi finanziati: 115 riguardano l’installazione di ascensori o montascale, 513 i lavori all’interno degli appartamenti, come l’allargamento di porte e corridoi per una migliore accessibilità; la sostituzione di apparecchi sanitari e la migliore funzionalità dei bagni; l’installazione di citofoni e videocitofoni; la rimozione di gradini e altre barriere. 

“Gli ostacoli che impediscono alle persone anziane o disabili di svolgere la propria vita in autonomia rappresentano un problema oggettivo- sottolinea la vicepresidente e assessore al Welfare, Elisabetta Gualmini- che richiede interventi concreti. Penso agli anziani, che in Emilia-Romagna rappresentano un quarto della popolazione, e alle persone disabili costrette a vivere in edifici privi di ascensori e appartamenti poco adatti alle loro condizioni fisiche. Come Regione- spiega la vicepresidente - da anni, anche supplendo alla mancanza di aiuti statali, investiamo per abbattere le barriere architettoniche nelle abitazioni private e da quest’anno interveniamo anche su quelle popolari, con uno stanziamento di risorse veramente ingente del quale andiamo orgogliosi”.   

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli interventi finanziati nelle province

In Emilia-Romagna gli edifici popolari hanno un’età media di 45 anni e per questo non sempre sono adatti alle esigenzedianziani e persone con disabilità o difficoltà motorie, per le quali la mancanza appunto diascensori e montascale, o la presenza di pavimenti sconnessi, servizi igienici angusti,spazi troppo stretti per consentire il passaggio di una carrozzina possono trasformarsi in veri e propri ostacoli, o in un rischio di isolamento sociale.  A livello territoriale, gli interventi ammessi al finanziamento a seguito della riapertura del bando sono così suddivisi: Bologna 186 interventi finanziati per2,4 milioni di euro; Forlì-Cesena 83interventi (576.242 euro); Reggio Emilia 64 interventi( 551.162 euro); Parma 49 (809.827 euro); Ravenna 40 interventi (606.071 euro); Modena 35 interventi (796.806 euro); Ferrara 35 interventi (874.827 euro); Piacenza 8 interventi (413.616 euro); Rimini 10 interventi (269.473 euro).

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -