Casini in Romagna: "Il bipartismo è una forzatura"

Casini in Romagna: "Il bipartismo è una forzatura"

Pierferdinando Casini parla a Ravenna del futuro dell'Udc

RAVENNA - Giornata romagnola per il leader dell'Udc, Pierferdinando Casini. Una ‘missione' non casuale quella del numero uno dei centristi, che arriva in un momento in cui si stanno definendo le strategie future sulle alleanze alle elezioni amministrative del 6-7 giugno e in cui è aperto il dibattito sulla scelta dei candidati sindaci. Il primo appuntamento nel pomeriggio a Rimini per inaugurare la sede dell'Udc e fare una passeggiata in centro. Poi in serata incontro a Ravenna.

 

> CASINI A RAVENNA, GALLERIA FOTOGRAFICA

 

Nuova legge elettorale e alleanze sui programmi sono state alcune delle parole-chiave pronunciate da Casini nei suoi interventi. Il leader dell'Udc ha ribadito che il sistema bipartitico che si è instaurato in Italia rappresenta una "forzatura".

 

Casini ha poi ribadito la filosofia dell'Udc, non senza una vena polemica nei confronti degli ex alleati del centrodestra e degli amici del Pd. "Crediamo nei partiti veri, quelli che non si costituiscono con atti notarili - spiega -, o sulla base di emozioni temporanee ma che si incaricano di fare la cosa piú difficile, dare risposte e soluzioni ai problemi drammatici che sono sul tappeto e che richiedono risposte complesse".

 

L'ex presidente della Camera, che nei giorni scorsi ha lanciato l'amo nello stagno del centrosinistra con un appello ai cattolici di quello schieramento per costituire una nuova e ampia forza di centro, ha spiegato il senso della tela di rapporti che si sta cucendo in queste settimane.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Mi dispiace se Veltroni si è irritato e francamente credo che nessuno avesse intenzione di essere non rispettoso, peró non si pretenda da noi che diventiamo sostenitori del Pd o della Pdl - chiarisce Casini -. Per tenere la nostra autonomia abbiamo rischiato di non essere presenti in Parlamento. Lo siamo nonostante Berlusconi e Veltroni e oggi chiediamo che questo seme che abbiamo lanciato debba fortificarsi, rafforzarsi senza pretese di paternità".


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -