Caso Boccassini, sequestrato il computer di Brigandì

Caso Boccassini, sequestrato il computer di Brigandì

Caso Boccassini, sequestrato il computer di Brigandì

ROMA - Alcuni documenti ed il computer del componente laico del Csm e ex parlamentare della Lega, Matteo Brigandì, sono stati sequestrati durante una perquisizione presso l'abitazione privata del componente dell'organo di autogoverno della Magistratura, indagato con l'accusa di abuso d'ufficio con l'accusa di aver divulgato degli atti riservati sul pubblico ministero Ilda Boccassini alla cronista del quotidiano "Il Giornale", Anna Maria Grec.

 

Nel frattempo l'ufficio del consigliere laico è stato dissequestrato. "Ho fatto richiesta di quella documentazione al Csm perchè volevo documentarmi personalmente - ha chiarito Brigandì -. Non ho divulgato le carte in alcun modo. Nè ho parlato con nessuno di quanto vi avevo letto. Sfido chiunque a dimostrare il contrario".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -