Caso Ruby, Berlusconi: ''Io dimettermi? Non sono matto''

Caso Ruby, Berlusconi: ''Io dimettermi? Non sono matto''

Caso Ruby, Berlusconi: ''Io dimettermi? Non sono matto''

"Io dimettermi? Non sono matto e non faccio gestacci". Parla Silvio Berlusconi, indagato dalla Procura di Milano nell'ambito dell'inchiesta sul cosiddetto ‘caso Ruby' con le accuse di concussione e prostituzione minorile. Lasciando Palazzo Grazioli, il presidente del Consiglio ha scambiato qualche breve battuta con i giornalisti. "Sono sereno e mi sto divertendo a seguire la vicenda". Martedì pomeriggio il Cavaliere ha incontrato il capo dello Stato, Giorgio Napolitano.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma sul colloquio, durato circa un'ora, non ha voluto rilevare nulla: "Chiedetelo a lui". Al Colle il premier era accompagnato dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio Gianni Letta. Intanto i legali del Pdl fanno quadrato. Martedì i deputati-avvocato si sono riuniti alla Camera per esaminare la situazione che coinvolge direttamente il loro leader. E Niccolò Ghedini, legale del premier, ha detto che nell'inchiesta Ruby è stato fatto un abuso di legge, un blitz dove sono stati usati mezzi imponenti.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -