Caso Ruby, dal Csm primo no all'esposto del pm

Caso Ruby, dal Csm primo no all'esposto del pm

Caso Ruby, dal Csm primo no all'esposto del pm

ROMA - Dal Consiglio superiore della magistratura primo all'esposto presentato dal pm del tribunale per i minorenni di Milano, Annamaria Fiorillo, nell'ambito dell'inchiesta Ruby, la giovane marocchina portata in Questura a Milano per un furto e poi rilasciata e affidata al consigliere regionale Nicole Minetti dopo una telefonata del premier Silvio Berlusconi. La Prima Commissione ha deliberato che si tratta di accertamenti che esulano dalla competenza del Csm.

 

La commissione ha quindi escluso anche che ci siano i presupposti per l'apertura di una pratica a tutela del magistrato. Fiorillo aveva segnalato discrepanze tra quanto accaduto e quanto riferito in Parlamento dal ministro dell'Interno Roberto Maroni sulla vicenda. Inoltre aveva sottolineato di non aver mai autorizzato l'affidamento di Ruby a Minetti, a differenza di quanto affermato dal titolare del Viminale, chiedendo al Csm di chiarire la situazione.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -