Caso Ruby, dubbi sulla versione di Nadia Macrì

Caso Ruby, dubbi sulla versione di Nadia Macrì

Caso Ruby, dubbi sulla versione di Nadia Macrì

ROMA - Nadia Macrì non è stata ad Arcore la notte tra il 24 e il 25 aprile scorso, quella in cui aveva riferito in un'intervista rilasciata ad 'Annozero' di aver visto Ruby ricevere 5mila euro come compenso per aver avuto rapporti sessuali con il premier Silvio Berlusconi. Secondo le verifiche delle tracce lasciate dal suo cellulare, l'ex escort emiliana sarebbe stata nella villa di Arcore attorno alla metà di maggio. La Macrì ha voluto precisare il senso delle sue parole ad Annozero.

 

"Non ho detto che ho visto là Ruby - ha evidenziato -. Io ad "Annozero" ho detto che ho visto una marocchina giovane simile a Ruby". La giovane ha anche negato che i gioielli chiamati in causa nell'intervista le siano stati regalati dall'ex marito: "Ha detto che quel gioiello me l'ha regalato nel 2007, ma già dal 2006 ero in processo con lui per la separazione che lui non voleva darmi".

 

La giovane è stata ascoltata lunedì pomeriggio dalla Procura di Milano. Sull'attendibilità delle affermazioni della Macrì ha parlato il capo della procura milanese, Edmondo Bruti Liberati: "Sono conclusioni che tireremo prossimamente e non intendo anticipare nulla". Durante l'interrogatorio sono state confrontante le dichiarazioni rese prima a Palermo e poi a Milano della Macrì.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -