Caso Ruby, furono due le telefonate alla Questura

Caso Ruby, furono due le telefonate alla Questura

Caso Ruby, furono due le telefonate alla Questura

La sera del 27 maggio scorso, mentre la giovane marocchina Ruby (al centro delle cronache per i suoi rapporti con Silvio Berlusconi) era sottoposta a fotosegnalamento, ci furono due chiamate del presidente del Consiglio. Secondo quanto ricostruito da "Il Corriere della Sera", dopo la prima telefonata in cui parlò in prima persona Berlusconi, il suo capo scorta effettuò anche una seconda chiamata per avere chiarimenti sull'evoluzione della vicenda.

 

Alle 2 di notte, ricostruisce il quotidiano milanese, Ruby lasciò la questura insieme Nicole Minetti,

l'ex igienista dentale del premier eletta consigliere regionale in Lombardia, proprio come aveva richiesto Berlusconi. E, hanno evidenziato i vertici della Questura di Milano, come aveva autorizzato il magistrato di turno Anna Maria Fiorillo. Resta anche il giallo sull'identità della persona che avvisò il presidente Berlusconi del fermo di Ruby.

 

Secondo quanto ha riportato "La Repubblica" i funzionari non applicarono le disposizioni del magistrato e lo ingannarono facendo credere che la giovane marocchina fosse davvero parente di Mubarak quando sapevano che non era egiziana. Sempre secondo ‘Repubblica', il capo di gabinetto della questura Pietro Ostuni è stato sentito ieri dai magistrati e interrogato dal pm di turno e dal responsabile della Direzione distrettuale antimafia di Milano Ilda Boccassini.

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di luciano54
    luciano54

    Effettivamente che ogni minorenne extracomunitaria, senza documenti e per giunta accusata di furto possa essere una "conoscente" del Sig. Berlusconi è difficile da credere. Qual'è stata la parola magica che ha fatto alzare il telefono ad un funzionario della questura per chiamare il Presidente del Consiglio?

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -