Caso Ruby, parla l'ape regina: ''Ad Arcore nessuna orgia''

Caso Ruby, parla l'ape regina: ''Ad Arcore nessuna orgia''

Caso Ruby, parla l'ape regina: ''Ad Arcore nessuna orgia''

ROMA - Sulla vicenda ‘Ruby' ha preso la parola l'"ape regina", l'attrice di origine tedesca Sabina Began. La donna ha affermato che non c'è stata mai orgia nella residenza di Berlusconi ad Arcore. "È assurdo, è una cosa inventata", ha sottolineato a SkyTg24. Quindi ha fornito una versione sul "Bunga Bunga", chiarendo che "non è un rito erotico, è il soprannome che mi hanno dato, e non ci trovo niente di strano perché mi ritengo un po' una scimmia".

 

L'attrice ha inoltre aggiunto "che il presidente non ha mai fatto sesso con Ruby, e neanche con Noemi". Berlusconi "non è un mostro e lo amo con tutta me stessa". "Provo per quest'uomo un amore vero - ha aggiunto -. L'amore che non ho potuto dare ad altri l'ho dedicato a lui e mi sento fortunata di poter venire a difenderlo". E ha aggiunto: "Sono io colpevole di tutte quelle feste, le ho organizzate per farlo divertire perché il premier è una persona bella e sola".

 

"Forse è anche colpa mia, o del presidente, far entrare tante persone - ha spiegato -. Ma non chiedi quanti anni hai. Poi lui è una persona molto tranquilla". "Lui - ha aggiunto - non ci sta neanche. Sta seduto 10 minuti a cena poi si alza e sta al telefono tutta la sera, o sta scrivendo una cosa o si deve preparare. Entra, esce". La Began ha riferito che due anni fa, quando è scoppiato il primo scandalo, era andata dai magistrati.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il pm, ha aggiunto l'attrice, "è stato gentile ma per quattro volte ho dovuto dire che non era così, ho pianto poi stavo per firmare" e mi sono accorta che "sul foglio c'era scritto 'il presidente va con le ragazze". "Certo - ha continuato la Began - so che quello che sto dicendo è pesante ma è la verità. Ho dovuto spiegare ai pm che non era così quello che ho detto". È andata così: "Ve lo giuro su mio padre che è morto. Sono stata lì a urlare, a piangere e a difendermi". Alla fine "ho firmato quello che dicevo io. L'ho fatto riscrivere".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -