Caso Sandri, pallottola deviata dalla recinzione

Caso Sandri, pallottola deviata dalla recinzione

AREZZO – Svolta nelle indagini relative alla morte di Gabriele Sandri, il tifoso laziale rimasto ucciso lo scorso 11 novembre nell’area di servizio di Badia al Pino (Arezzo) da un colpo di pistola sparato dall’agente della PolStrada Luigi Spaccarotella, accusato di omicidio volontario. Secondo quanto reso noto dall’avvocato del poliziotto, Francesco Molino, la perizia balistica ha confermato che il proiettile è stato deviato nell'impatto con la rete metallica della recinzione che divide le corsie dell'autostrada.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La perizia balistica, affidata dalla Procura della Repubblica di Arezzo al professor Domenico Compagnini, è stata depositata nella tarda serata di giovedì.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -