Casola Valsenio: doppio concerto per l'Ensemble Baroque de Limoges

Casola Valsenio: doppio concerto per l'Ensemble Baroque de Limoges

CASOLA VALSENIO - Due appuntamenti veramente d'eccezione segnano la parte centrale del Festival "I luoghi dello Spirito e del Tempo": un doppio concerto (con due programmi diversi) dell'Ensemble Baroque de Limoges, guidato da Christophe Coin, rispettivamente uno degli ensembles più importanti e uno dei violoncellisti di maggior fama nell'ambito della musica barocca europea e mondiale.

 

I concerti, nati dalla collaborazione con l'assessorato alle Politiche comunitarie e dai contatti con la regione del Limousin, da tempo gemellata con la provincia di Ravenna, si svolgeranno in due luoghi diversi: la splendida cornice della basilica di S. Vitale a Ravenna, che non ha bisogno di presentazione, e la sala Pifferi presso il Cardello a Casola Valsenio, deliziosa costruzione immersa nel verde e nel fresco delle colline ravennati.

 

Il programma estremamente interessante  del secondo concerto, presso la Sala Pifferi del Cardello a Casola Valsenio, è dedicato alle composizioni di J. S. Bach e del figlio C. Ph. E. Bach, messi "l'uno di fronte all'altro" in uno stimolante confronto stilistico. Christophe Coin alternerà nelle sue esecuzioni l'uso del violoncello barocco a quello della viola da gamba, strumento dalle sonorità delicate prediletto dai musicisti del barocco francese. A seguire il concerto sarà possibile visitare il complesso museale del Cardello.

 

Tutti i concerti hanno inizio alle ore 21 e sono ad ingresso libero. Il programma dettagliato della rassegna, con una presentazione dei singoli concerti e riferimenti ai diversi CD editi a cura del Collegium Musicum Classense è presente al sito Internet https://www.racine.ra.it/collegiummc.

 

Per ulteriori informazioni sui luoghi e i programmi de 'I luoghi dello spirito' si può contattare lo IAT del Comune di Ravenna, tel. 0544/35404 oppure 0544/482670. Per i singoli eventi è possibile rivolgersi anche agli IAT delle diverse località: Alfonsine 0544/866611, Brisighella 0546/81166,  Casola 0546/73033, Cervia  0544/974400/ 993435, Lugo 0545/38542,  Russi 0544/587641

 

Christophe Coin

 

Nato a Caen nel 1958, Christophe Coin ottiene assai presto il Premier Prix di violoncello al Conservatorio di Parigi, nella classe di André Navarra. Una borsa di studio lo porta a Vienna, dove si rivela per lui decisivo l'incontro con Nikolaus Harnoncourt, al quale segue quello con Jordi Savall, che gli fa conoscere la viola da gamba e diviene suo maestro alla Schola Cantorum di Basilea. Trovato negli strumenti antichi il suo terreno ideale, Coin fa da subito il suo ingresso nel mondo concertistico ad altissimo livello, lavorando con il Concentus Musicus di Vienna e poi con Christopher Hogwood. Nel 1984 fonda il Quartetto Mosaïques insieme a tre colleghi austriaci, Erich Höbarth, Andrea Bischof e Anita Mitterer; i loro cd dedicati all'op. 20 e all'op. 33 di Haydn vengono insigniti del prestigioso Gramophone Award. Christophe Coin lavora inoltre con musicisti del calibro di Patrick Cohen, Monica Huggett, Ton Koopman, Wieland Kuijken, Gustav Leonhardt, Scott Ross, Jordi Savall, Hopkinson Smith... Frequenti inviti, sia come solista, sia in qualità di direttore, gli giungono da grandi formazioni quali l'Orchestre des Champs-Elysées, il Concertgebouw di Amsterdam, il Concentus Musicus, l'Orchestra of the Age of Enlightenment, l'Academy of Ancient Music.

Precoce è anche l'esordio di Coin nell'attività didattica: nel 1984 al Conservatorio di Parigi è lui ad inaugurare la cattedra di violoncello barocco e viola da gamba. Diviene quindi docente presso la Schola Cantorum di Basilea, nonché presso le Accademie Internazionali di Granada e Innsbrück.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel 1991 assume la direzione dell'Ensemble Baroque de Limoges, con il quale esplora la musica dei secoli XVII e XVIII. Instancabile "musicista-ricercatore", Coin lavora con l'Ensemble e con un gruppo di musicologi, liutai e ricercatori sulla fabbricazione e sulla tecnica degli strumenti antichi, organizzando regolarmente incontri internazionali nel Limousin. Membro del Comitato Scientifico del Museo della Musica alla Villette di Parigi, è Presidente della Società Francese della Viola da Gamba.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -