Casola Valsenio, il sindaco risponde a Marta Farolfi

Casola Valsenio, il sindaco risponde a Marta Farolfi

CASOLA VALSENIO - "Nessun atto di disprezzo della volontà popolare si è consumato in questi giorni". Ribatte così Giorgio Sagrini, sindaco di Casola Valsenio e presidente della Comunità montana dell'Appennino faentino agli attacchi lanciati dal candidato a sindaco per il comune di Brisighella Marta Farolfi sulla recente firma del documento relativo alla nascita della nuova unione dei Comuni dell'Appennino faentino.

 

"Marta Farolfi - continua Sagrini - non sa di cosa stia parlando. La sottoscrizione dell'atto dell'Unione dei comuni da parte dei tre sindaci di Brisighella, Casola Valsenio e Riolo Terme è un atto dovuto e fa seguito all'approvazione dell'atto costitutivo e dello statuto del nuovo soggetto deciso dai consigli comunali dei tre comuni stessi. È evidente quindi - prosegue il sindaco casolano - che la firma spetti ai sindaci in carica. Non abbiamo fatto altro che rispettare i termini imposti dalla Legge regionale n. 10 avendone, tra l'altro, pienamente titolo. Chi sostiene il contrario - conclude - evidentemente non sa di cosa si stia parlando e sarebbe bene che chi si candida a governare abbia l'umiltà prima di informarsi e di conoscere".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -