Casola Valsenio: la festa dei frutti dimenticati fa il pieno di pubblico

Casola Valsenio: la festa dei frutti dimenticati fa il pieno di pubblico

CASOLA VALSENIO - "Un'altra edizione straordinaria è stata la 19° festa dei frutti dimenticati che ha confermato il successo di questa manifestazione e ha visto la partecipazione di migliaia di persone, provenienti da tutta Italia". Questo è il primo commento del sindaco di Casola Valsenio, Nicola Iseppi sulla festa che si è tenuta sabato e domenica scorsi. Malgrado il vento e il freddo improvviso si è comunque registrato il tutto esaurito. Le persone affluite sono state tantissime durante tutto il weekend. Prese d'assalto le bellissime bancarelle dei produttori agricoli casolani, ricche di prodotti, di colori, di profumi. Grande successo per lo stand gastronomico e la friggitoria della festa gestiti dalla Prologo e dall'Avis con l'aiuto di altre associazioni di volontariato. Soddisfatti sono stati anche i ristoranti, gli agriturismi e le pizzerie del paese.

 

Una manifestazione che anno dopo anno continua ad accrescere la partecipazione ed il consenso. Un esempio arriva dal servizio navetta che dalla zona artigianale ha portato in paese 700 persone e sono stati apprezzati i musicisti e artisti di strada che hanno allietato la giornata. Grande interesse del pubblico per i momenti "didattici" all'interno della Festa come la scuola di cucina e la degustazione di frutti: un esperimento da perseguire e ampliare per il futuro.

 

"Come amministrazione comunale - ci tiene a sottolineare il primo cittadino casolano - vogliamo rivolgerw un ringraziamento sincero alle aziende agricole di Casola, per le splendide bancarelle che hanno allestito, e per l'attenzione che mettono nell'accogliere nel migliore dei modi i visitatori: sono loro, gli agricoltori, insieme a tutti gli operatori turistici casolani, i migliori testimoni, i migliori promotori del nostro territorio. Ma un grazie va anche ai volontari e alle associazioni casolane, che hanno sostenuto uno sforzo organizzativo straordinario; alla Pro Loco, che è il motore di questa festa, per l'inventiva, per la capacità di fare e di organizzare che ha saputo esprimere anche in questa occasione".

Come ogni anno, durante la Festa si svolgono alcuni concorsi, per premiare il miglior liquore e la migliore marmellata, per premiare la più bella bancarella (Bancabella) e la più bella vetrina (Vetrinabella).

 

La giuria quest'anno ha assegnato il premio per la migliore marmellata alla "marmellata di more di rovo" presentata dal sig. Magnani, residente a Maiano, uno dei comuni della Val Marecchia. Il premio per il miglior liquore è andato alla signora Gigliola Giovannini, di Casola Valsenio, che ha presentato un liquore di foglie di alloro. La Bancabella 2009 è andata a quella del Giardino delle Erbe. Il premio è stato ritirato dalla signora Gabriella Rinaldi Ceroni, figlia del prof. Augusto, al quale il Giardino è intitolato. Infine, la cartolibreria Peter Pan si è aggiudicata il premio Vetrinabella 2009.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -