Casola Valsenio, sindaco e assessore: "Buon anno scolastico a tutti"

Casola Valsenio, sindaco e assessore: "Buon anno scolastico a tutti"

CASOLA VALSENIO - E' iniziato per i 171 studenti casolani (105 per le elementari e 66 per le medie) il nuovo anno scolastico.

Nella mattina di martedì 15 settembre le porte dello stabile di via S. Martina si sono riaperte dopo un intenso lavoro di messa in sicurezza e di riammordernamento funzionale degli spazi. Per l'occasione il sindaco Nicola Iseppi e l'assessore alla pubblica istruzione Milena Barzaglia, hanno voluto portare il loro saluto istituzionale.

 

"Agli alunni, agli insegnanti, al personale della scuola, alle famiglie - hanno detto gli amministratori - rivolgiamo l'augurio di un proficuo e sereno anno scolastico. In questa occasione vogliamo ribadire il nostro impegno per sostenere e valorizzare il ruolo della scuola come luogo di incontro, di studio, di relazione, come fondamentale luogo di formazione della coscienza civica dei giovani.?La nostra volontà - hanno aggiunto - è quella di sviluppare un rapporto di proficua collaborazione con il mondo scolastico, con le sue diverse componenti; abbiamo programmato e attuato investimenti che hanno reso possibile la completa messa a norma in un unico plesso scolastico e ci impegneremo a perseguire anche in futuro questa strada".

 

Ma l'augurio ha voluto mettere in evidenza anche alcune perplessità del mondo amministrativo casolano sulle scelte decise a livello governativo sull'assetto e sulla riorganizzazione della scuola italiana.

 

"E' diffusa - affermano - l'incertezza per le prospettive della scuola italiana, non condividiamo i cosiddetti "tagli lineari", quelli fatti in percentuale. È un modo rozzo di procedere, che colpisce soprattutto la scuola che funziona e le eccellenze.?Da parte nostra opereremo per mantenere e salvaguardare il livello dei servizi realizzati in questi anni, dalla mensa al trasporto scolastico, alle esperienze di educazione ambientale, malgrado ogni anno si debba assistere alla progressiva riduzione di risorse destinate alla scuola, anche attraverso la riduzione dei trasferimenti agli enti locali e, soprattutto, ai Comuni.?Sono difficoltà e problemi con i quali il Comune, le famiglie il mondo della scuola dovremo misurarci e, insieme, fare in modo che anche questo sia, per tutti, un buon anno scolastico". 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -