Cassazione: sì a bugie per difendere l'amante

Cassazione: sì a bugie per difendere l'amante

Si possono dire bugie per difendere l'amante. La Cassazione spezza una lancia in favore degli adulteri, confermando l'assoluzione nei confronti di C.B., una 48enne di Porto Ercole, condannata in primo grado per favoreggiamento. La donna, infatti, aveva testimoniato falsamente davanti ai carabinieri di non avere mai prestato il telefonino all'amante, G.C., per insultare il marito dal quale si stava separando.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo la Suprema Corte, che ha respinto il ricorso della Procura di Firenze, "il fatto di avere un amante è circostanza che arreca un nocumento all'onore nella considerazione della persona in ambito familiare e sociale". Forte di questa considerazione, la Suprema Corte ha dato il via libera alle bugie che vengono dette "con l'intento di tenere nascosta una relazione extraconiugale".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -