Castel San Pietro, aggredito a colpi d'accetta. E' stato un collega di lavoro

Castel San Pietro, aggredito a colpi d'accetta. E' stato un collega di lavoro

Castel San Pietro, aggredito a colpi d'accetta. E' stato un collega di lavoro

CASTEL SAN PIETRO - Preso l'aggressore del moldavo di 40 anni, colpito accetta mercoledì pomeriggio poco dopo le 16 in un'azienda di trasporti di Castel San Pietro, in via H. Ford. Si tratta di G.L.D., 30 anni, residente a Reggiano (Salerno), ma domiciliato a Imola: ora si trova in carcere a Rieti con l'accusa di tentato omicidio. Il giovane è stato fermato dagli agenti della Polizia Stradale di Roma Nord lungo l'autostrada A1 nei pressi dell'uscita di Fiano Romano.

 

L'uomo si è mostrato apparentemente tranquillo, senza rilasciare dichiarazione ai poliziotti, ai quali non ha chiesto nemmeno il motivo del controllo. Nell'auto sono stati trovati un berretto di lana ed un biglietto autostradale sporchi di sangue. Altre tracce sono state inoltre accertate sulla portiera sinistra dell'auto, sequestrata insieme agli altri oggetti. L'arma del delitto non è stata ancora trovata. Il 40enne si trova ancora all'ospedale Maggiore di Bologna.

 

E' ricoverato nel reparto di Rianimazione dopo esser stato sottoposto ad un intervento chirurgico per un trauma cranico con fratture multiple ed una frattura della teca cranica. Le indagini sono seguite dai Carabinieri della Compagnia di Imola. Non è stato ancora chiaro il movente del delitto, da ricercarsi probabilmente nelle relazioni dei due nell'ambito lavorativo. Il fascicolo è seguito dal pm Sola e a Rieti dal pm Opilio.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -