Castrocaro: tornano a vedere la luce le Cannoniere

Castrocaro: tornano a vedere la luce le Cannoniere

Castrocaro: tornano a vedere la luce le Cannoniere

CASTROCARO - Tornano alla luce le Cannoniere della Rocca di Castrocaro. "E' estremamente emozionante mettere le mani sull'opera di un grande", afferma il professor Domenico Taddei, riferendosi a Giovanni Battista Bellucci, architetto del 1.500. Riempiti con 1.200 metri cubi di macerie, sono emersi, nella loro imponenza, questi locali, di grande interesse architettonico, realizzati nella prima metà del '500, per volere della Repubblica Fiorentina e di Cosimo De'Medici.

 

> TUTTE LE FOTO

 

"Tolte tutte le macerie, ci siamo trovati davanti a proporzioni spettacolari. Si tratta di 3 grosse camere - spiega Taddei - con volte a botte a tutto sesto, costruite per reggere la rupe della Rocca di Castrocaro, particolarmente esposta a fenomeni sismici e per farci le cannoniere. In realtà più vengono studiate e più si pensa che in realtà si tratti di arsenali".

 

I lavori, finanziati dal Comune di Castrocaro Terme-Terra del Sole, dalla Provincia di Forlì-Cesena e dalla Fondazione Carisp Forlì, con 475mila euro, continueranno grazie ad un ulteriore finanziamento Comune-Regione, di 332.400 euro ed a contributi della Fondazione e della Protezione Civile per 100mila euro.

 

"La soddisfazione è grande - commenta Elio Caruso, presidente della Pro-Loco e direttore del complesso museale della Fortezza - la straordinaria originalità dell'edificio e dei suoi ambienti rappresenta una costruzione fortificata stilisticamente originale ed innovativa, una vera eccellenza storico-architettonica nel panorama italiano, che una volta resa agibile, andrà ad aggiungersi al complesso museale che da 10 anni è aperto al pubblico".

 

Gli ambienti sono vastissimi, con altezze che vanno dai 6 ai 10 metri, con finestre che già si notavano da fuori. "La peculiarità di questo tipo di architettura - chiarisce Taddei - è quella di tenere conto dell'integrazione tra 'utilitas', 'firmitas' e 'venustas' (utilità, struttura e bellezza). Ma il ritrovamento più interessante, che denota la straordinaria capacità osservativa e realizzativa del Bellucci, è quello di 2 bocche di volata per archibugio, situate nel torrino con camino per i fumi di volata. Si tratta di un manufatto di architettura militare molto importante".

 

 

"A lavori ultimati - conclude Caruso - la Fortezza di Castrocaro sarà uno dei complessi fortificati più imponenti d'Italia, in grado di offrire alla nostra città una grande opportunità culturale e turistica".


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -