CATTOLICA - Ospedale ''Cervesi'', inaugurati i nuovi locali del reparto di oncologia

CATTOLICA - Ospedale ''Cervesi'', inaugurati i nuovi locali del reparto di oncologia

CATTOLICA - Si è svolta questa mattina alle ore 13 l’inaugurazione dei nuovi locali, completamente ristrutturati, del Modulo Operativo dell’Ospedale “Cervesi” di Cattolica. Non si tratta, come ha precisato il Direttore Sanitario del Presidio Ospedaliero Riccione-Cattolica, dottor Romeo Giannei, di una nuova specialità: già dal 2 gennaio 1993 esiste un modulo di Oncologia a Cattolica. Però i locali sono stati completamente rinnovati e resi più funzionali e confortevoli, attraverso lavori durati 100 giorni, durante i quali il reparto si è spostato nella vicina rsa. Da lunedì, 4 febbraio, invece, si tornerà nei locali ospedalieri.


I nuovi locali dedicati al Modulo Operativo di Oncologia dell’Ospedale “Cervesi” di Cattolica, dopo i lavori effettuati negli ultimi mesi, offrono ai pazienti un livello di “accoglienza” di altissimo livello. Le opere eseguite consistono infatti nell’innovazione e riammodernamento dei locali con particolare attenzione alla ricerca del confort di tipo alberghiero, alle opere di prevenzione incendi nonché al completo rinnovamento impiantistico e di finiture.


I locali del Modulo Operativo, situati al terzo piano dell’Ospedale, constano di 3 camere di degenza, per un totale di 6 posti letto e 4 poltrone ad hoc per le terapie. Inoltre sono previsti ambulatori, un locale per la preparazione dei farmaci chemioterapici e i locali di supporto all’attività. Tutte le stanze sono dotate di climatizzazione.


I lavori sono parte di un più ampio progetto di riqualificazione dell’Ospedale di Cattolica, che si sta sviluppando e che ha un costo complessivo di 3.700.000 euro, tra cui si evidenziano 1.320.000 euro di opere edili, 1.050.000 euro di impianti meccanici e 600mila euro di impianti elettrici. Si aggiungono i costi per le attrezzature, che ammontano a 700mila euro, per un totale complessivo di 4.400.000 mila euro. Tali spese sono finanziate per 3 milioni di euro dalla Regione Emilia Romagna, mentre il resto è a carico dell’Azienda Usl di Rimini.


Nei lavori di ristrutturazione si è posta particolare attenzione al miglioramento generale della struttura ospedaliera e come si può vedere, sono terminati i lavori di ristrutturazione dei locali previsti al piano terra e parte del piano terzo occupati dall’U.O di Medicina Generale


Il gruppo di progettazione è costituito da tecnici della U.O. Attività Tecniche dell’Azienda, Direttore architetto Enrico Sabatini, architetto Sandra Fantoni, perito industriale Andrea Balducci, perito industriale Giovanni Carlini, ingegner Laura Carlini e da progettisti esterni, ingegner Roberto Giorgi, perito industriale Luca Giordani e ingegner Domenico Bordoni. Direzione dei lavori architetto Davide Burgè, ingegner Roberto Giorgi e perito industriale Luca Giordani. Le opere sono state eseguite dalla ditta Gpl di Ancona.


L’Ospedale “Cervesi” di Cattolica è stato costruito negli anni ‘60 e sorge su un’area di circa 14mila metri quadrati. E’ costituito da tre corpi di fabbrica di cui due di tipologia “monoblocco”, costruiti in fasi successive negli anni dal 1965 al 1980 che formano una pianta a T e un terzo corpo realizzato come ampliamento nell’anno 2000; i tre corpi sono collegati fra di loro, in maniera da costituire un unico edificio.


Attualmente al “Cervesi” si trovano, oltre al Modulo Operativo di Oncologia, anche un punto di Pronto Intervento, e le U.O. di Radiologia, Oculistica, Fisiopatologia della Riproduzione, Chirurgia ginecologica, Chirurgia Ortopedica, Medicina Generale, il punto prelievi e vari ambulatori. I posti letto complessivi sono 111.


Il Modulo Operativo di Oncologia di Cattolica è suddiviso nell’ambulatorio ed area day hospital, in cui operano tre medici, e nel settore prevenzione, con un ulteriore medico. Vi sono inoltre 7 infermieri e un caposala. Nei 6 posti letto e 4 poltrone “ruotano” ogni giorno circa 25 persone per la terapia. All’attività si aggiungono circa tremila visite l’anno e le consulenze alle altre Unità Operative degli Ospedali di Cattolica e di Riccione.


I locali del modulo saranno, infine, arricchiti da una ventina di quadri offerti da artisti, di cui si allega l’elenco, collocati per l’occasione. Tra questi, anche un quadro di Christian Pierret, sindaco della città francese di Saint Die’ Des Voges, gemellata con Cattolica.


In merito il responsabile del Modulo, dottor Enzo Pasquini, ha sottolineato che “ovviamente ne daremo anche ad altri reparti: sono arrivati così tanti quadri che i nostri spazi rischiano di essere piccoli per ospitarli tutti”. Sull’attività clinica, Pasquini ha aggiunto che “lavoriamo su circa 600 cartelle l’anno, e che da alcuni mesi siamo ancor più operativi grazie ad un ecografo di altissimo livello donatico dallo Ior” (e a suo tempo presentato).


Il sindaco di Cattolica Pietro Pazzaglini, intervenuto all’inaugurazione, ha sottolineato come “l’Ospedale di Cattolica dovrà essere, sempre più, l’Ospedale a Cattolica, in grado di ospitare e curare anche pazienti di altre località”. Rispetto al Modulo di Oncologia il primo cittadino ha precisato che “sento, da tanti pazienti, gratitudine rispetto all’attività professionale ma anche alle doti umane dei professionisti che vi operano”.


Il Direttore dell’Unità Operativa di Oncologia dell’Ospedale “Infermi” di Rimini, professor Alberto Ravaioli, ha quindi sottolineato l’importanza del Modulo cattolichino, in quanto, tra l’altro “raccoglie pazienti che altrimenti andrebbero ‘dispersi’, e ha ricordato “quanto, con Pasquini, ci battemmo, anni fa, di fronte all’ipotesi di ridimensionare fortemente l’Ospedale di Cattolica”.


L’importanza di operare sempre più in rete e in maniera sinergica, tra le strutture sanitarie del territorio provinciale è stata sottolineata, infine, dal Direttore Sanitario dell’Azienda Usl, Saverio Lovecchio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo i saluti e la benedizione impartita da don Davide, il benaugurale taglio del nastro.



Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -