Cattolica: spaccio di stupefacenti, arrestato pusher tunisino

Cattolica: spaccio di stupefacenti, arrestato pusher tunisino

Cattolica: spaccio di stupefacenti, arrestato pusher tunisino

CATTOLICA - I Carabinieri della Tenenza di Cattolica hanno arrestato un pusher tunisino di 28 anni, orbitante nel territorio di Ravenna e meglio noto nel mondo della tossicodipendenza con il nome di Aziz. Si tratta di Ammar Ezzedine, sposato con una giovane cattolichina. Dopo numerose attività investigative di vario livello ed entità, i militari hanno ottenuto l'emissione di un provvedimento di cattura da parte della Procura della Repubblica di Ravenna nei confronti del sunnominato, per numerosi capi d'accusa riconducibili allo spaccio di eroina e cocaina e false generalità.

 

Le indagini protratte per circa un anno, difficoltose per la scaltrezza del soggetto e complesse per l'individuazione degli utenti, hanno consentito di appurare un vasto bacino d'utenza di giovanissimi piccoli spacciatori locali e consumatori. L'approvvigionamento dello stupefacente, in quantità non molto elevate, ma considerevolmente ripetute nel tempo, avvenivano nel territorio di Ravenna, Lido Adriano e Pinarella di Cervia ed era in gran parte destinato al mercato della bassa Romagna ed entroterra (Cattolica, Morciano, San Giovanni in Marigano e paesi della Valconca).

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo un conteggio approssimativo, dalle investigazioni espletate risulta una cessione di sostanza stupefacente complessiva ammontante ad oltre due chili di eroina. Giovedì mattina, dopo estenuanti e vane attività di osservazione condotte per circa venti giorni, i militari della Tenenza di Cattolica hanno investito l'extracomunitario presso la AUSL di Cattolica - Servizi Sociali, ove unitamente alla coniuge si era recato. Prontamente è scattato il dispositivo di intervento che consentiva di bloccarlo ed ammanettarlo. Dopo le attività di rito veniva ristretto presso la casa circondariale di Rimini "Casetti".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -