CATTOLICA - Uccise il suo aguzzino, 23enne condannato a sei anni

CATTOLICA - Uccise il suo aguzzino, 23enne condannato a sei anni

CATTOLICA – Dopo cinque anni di soprusi e angherie aveva deciso di dire basta: e armato di un coltello da cucina e ha sgozzato il 6 febbraio dello scorso anno nel sonno il suo aguzzino, il connazionale Grigory Lapkin. L’autore dell’omicidio, il sordomuto 23enne russo Kostantin Kartashov, è stato condannato dal giudice Giacomo Gasparini a sei anni di reclusione. Quest’ultimo gli ha riconosciuto le attenuanti generiche, ovvero quella della provocazione e del vizio parziale di mente.


La vicenda, che avvenne attorno alla mezzanotte in un residence di Cattolica, aveva riacceso i riflettori sullo sfruttamento dei sordomuti bielorussi costretti a vendere dei gadget e dare almeno il 50% dei loro guadagni agli sfruttatori, detti in gergo 'brigadieri', spesso loro connazionali e sordomuti.

Proprio come accaduto in quella notte quando Kartashov, già noto alle forze dell'ordine, ha deciso di uccidere il suo sfruttatore di 31 anni, Grigorj Lapkin, che controllava la vendita di gadget in Romagna e nelle Marche.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -