Censis, italiani impauriti dalla crisi: ma c'è ottimismo

Censis, italiani impauriti dalla crisi: ma c'è ottimismo

Censis, italiani impauriti dalla crisi: ma c'è ottimismo

Siamo un popolo di ottimisti. E' la fotografia degli italiani scattata dal Censis, che nonostante la crisi economica (che è la principale paura dei cittadini) vede un futuro rosa per il nostro paese. Un paese di fronte ad una sfida, quella di cogliere "una reazione vitale per recuperare la spinta in avanti''. Per il 71,7% della popolazione il terremoto finanziario potrà avere ripercussioni dirette sulla propria vita, mentre il 37% è convinto che la crisi potra' migliorarci.

 

Cresce la flessibilità. Continua a crescere in Italia la flessibilita' dei contratti di lavoro, con un +3,6% dal 2004 al 2007. Il fenomeno arriva ormai ad interessare l'11,9% degli occupati. E non si tratta piu' solo di giovani: il 9% delle persone con contratto flessibile ha 34-44 anni, il 52,2% del totale e' donna. Lo sottolinea il Rapporto Censis 2008 sulla situazione sociale del paese.  Il lavoro, poi, spiega il Rapporto, "di per se' non garantisce piu' livelli assoluti di sicurezza, se e' vero che anche chi occupa posizioni elevate nella stratificazione professionale e reddituale teme per la propria stabilita'". L'aspetto su cui c'e' maggiore consenso e' la difficolta' di crescita dei redditi da lavoro (94,4%), che si lega a doppio filo alla possibilita' di mantenere lo stesso tenore di vita di soli tre anni fa (94,4%).

 

L'Università è un malato cronico. Il sistema  niversitario italiano resta un "malato cronico" a dirlo e' il Rapporto 2008 del Censis che sottolinea che tra il 1999 e il 2007 il numero di comuni sede di strutture e corsi universitari e' aumentato del 26,5% e i corsi di laurea triennali sono passati dai 3.565 del 2004-2005 ai 3.922 del 2007-2008 (+10%). E resta "difficile declinare il tema dell'autonomia se non si correla con l'autofinanziamento". Il finanziamento del fondo ordinario pesa, infatti, per il 58,2% delle entrate degli atenei statali, le tasse universitarie incidono per il 12,1%".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -