Cervia-Chioggia, un 'gemellaggio' nel nome della pesca

Cervia-Chioggia, un 'gemellaggio' nel nome della pesca

Cervia - Chioggia, un rapporto di interscambio che si consolida all'insegna delle tradizioni marinare. Giovedì 26 maggio 2011, sono state consegnate al Circolo Pescatori La Pantofla  di Cervia 9 riproduzione di stemmi storici di famiglie di Chioggia, che nei secoli passati si sono trasferite nella città romagnola per esercitare l'attività della pesca.  Il dono degli stemmi storici si deve a Luciano Boscolo Cucco, amministratore unico della Società La Dragaggi, che da anni, oltre ad un rapporto professionale con la realtà cervese, ha avuto un rapporto di interscambio e di collaborazione con personaggi e con associazioni  per la realizzazione di iniziative mirate a valorizzare le tradizioni marinare e la cultura del mare. Valga per tutti l'esempio del rapporto instaurato con Paolo Puzzarini per dar vita alla fase di avvio della rievocazione della storica "Rotta del sale Cervia Venezia". Gli stemmi sono stati realizzati su tavolette in legno con la riproduzione dell'immagine e dei colori originari e sono opera dell'artista chioggiotto Attilio Scarpa.

 

Al "maestro d'ascia" cervese Domenico Fioravanti si deve la realizzazione di una tavola in legno ricavata dal fasciame di un'imbarcazione, utilizzata come sfondo per l'esposizione permanente degli stemmi. Gli stemmi sono tratti dall'opera di uno studioso di Chioggia, Alberto Moscheni, intitolata "Stemmi e Casati di Chioggia".  Nelle tavolette sono riportati cognomi diffusi tra le famiglie di pescatori cervesi: Beltrame, Bonaldo, Lanza, Modonese, Padovani, Padoan, Ranzato, Penso, Penzo, Tiozzo. Parte di questi cognomi hanno avuto delle piccole modifiche nelle trascrizioni anagrafiche nel corso dell'Ottocento.  Alla suggestiva cerimonia di consegna delle storiche tavolette hanno partecipato una delegazione della Città di Chioggia, il Sindaco di Cervia Roberto Zoffoli e l'Assessore al Turismo Nevio Salimbeni, nonchè Silvano Rovida, Presidente del Circolo Pescatori e una rappresentanza del Direttivo dell'associazione cervese. La Delegazione di Chioggia era composta da Luciano Boscolo Cucco, Renzo Donin, Consigliere comunale e Dario Varagnolo, Presidente del Circolo "Remiera Clodiense". Erano inoltre presenti rappresentanti di famiglie di pescatori cervesi di origine chioggiotta.  La delegazione della città di Chioggia è stata ospite del Circolo Pescatori La Pantofla ed è stata l'occasione per una visita al porto di Cervia, al Museo del Sale, al centro storico, ai giardini della manifestazione "Cervia Città Giardino - Maggio in fiore", visti nella loro fase finale di allestimento prima dell'inaugurazione. Particolare interesse ha anche suscitato l'organizzazione della manifestazione Borgomarina Vetrina di Romagna, al suo secondo appuntamento stagionale. Il Circolo Pescatori di Cervia aveva organizzato lo scorso anno una gita sociale a Chioggia.                                                                                

Dal punto di vista storico a marineria cervese ha antiche origini venete. Nel corso dell'Ottocento molte famiglie di pescatori provenienti da Chioggia si sono insediate a Cervia, in condizioni difficili, in uno scenario storico caratterizzato da miseria diffusa ed analfabetismo. Il lavoro dei pescatori era un lavoro duro, faticoso, irto di pericoli. Le barche erano quelle tradizionali dalle multicolori vele al terzo. Tra le imbarcazioni più diffuse vi erano i bragozzi di origine veneta. Nel corso dei decenni successivi la situazione dei pescatori è migliorata. La marineria si è integrata con il nascente turismo, con l'economia dell'antica "città del sale" ed è diventata componente importante della realtà cervese.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -