Cervia, finte estetiste per derubare anziane. In manette due donne

Cervia, finte estetiste per derubare anziane. In manette due donne

Le immagini dell'arresto (foto di Massimo Argnani)

CERVIA - Truffavano signore anziane dicendo di esser estetiste conoscenti dei loro familiari, proponendo loro nuovi prodotti estetici, riuscendo a sottrarre e sostituire gli effetti personali delle ignare vittime. In particolare, durante la prova delle creme, le vittime venivano invitate a togliersi orologi, anelli ed altri effetti personali, che venivano messi in fazzolettini di carta che successivamente venivano sostituiti con fazzoletti contenenti sassolini.

 

Due donne, Anna Cavazza, una pensionata di 75 anni, originaria di Malgrate (Como), e Patrizia Berti, una giostraia di 53 anni, entrambe già note alle forze dell'ordine e residenti a Rimini, sono state arrestate sabato pomeriggio in concorso dai Carabinieri dell'Aliquota Operativa della Compagnia di Cervia e Milano Marittima con l'accusa di furto aggravato e continuato, al termine di un servizio di pedinamento in piazza Costa.

 

>LE IMMAGINI DELL'ARRESTO E DELLA CONFERENZA STAMPA, fotoservizio di Massimo Argnani

 

Le due hanno tentato di appropriarsi di un orologio in oro, dal valore di 10mila euro, appartenente ad un'anziana forlivese di 84 anni, mentre si trovava nei pressi della rotonda Cadorna. Le ulteriori indagini ed elementi raccolti gia' durante le indagini hanno consentito di risalire alle dirette responsabilita' delle due truffatrici, che si erano specializzate in furti con destrezza ai danni di altre nove anziane signore, tra i settanta e ottanta anni, nelle ultime tre settimane.

 

Le vittime hanno constatato di esser state vittime di furti non nell'immediatezza. Oltre alla perdita degli oggetti preziosi spesso legati da particolare valore affettivo, le ‘nonnine' erano costrette a subire il disagio di essere state raggirate a causa della loro anzianità e scarsa memoria che non le permetteva di reagire prontamente. Le successive perquisizioni domiciliari nelle abitazioni delle ladre, hanno permesso il rinvenimento della refurtiva (in prevalenza orologi Rolex e Longines) per un valore di circa 100mila euro. La 53enne si trova attualmente detenuta presso il carcere di Ravenna, mentre la complice ai domiciliari.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -